Supercar distrutte: “finalmente” anche l’Italia ha il suo video originale

Un’auto esclusiva come la McLaren coinvolta in un incendio, il proprietario guarda prendere fuoco più di 200.000 euro di macchina.

McLaren (Getty Images)
McLaren (Getty Images)

La McLaren, la casa automobilistica inglese più lussuosa della Gran Bretagna, è stata fondata nel 1985 con l’obiettivo di produrre auto sportive.

Prima della fondazione della casa automobilistica la McLaren era una scuderia di Formula 1 fondata a sua volta dal pilota neozelandese Bruce McLaren nel 1963, che debuttò nella categoria più alta del Motorsport insieme alla Williams: una delle case più importanti nella storia della Formula 1.

La McLaren è una delle scuderie di Formula 1 che ha vinto più coppe e riconoscimenti, questo grazie anche ai famosi piloti che hanno portato il nome della scuderia sul podio, con 8 titoli costruttori e 12 Campionati vinti dai suoi numerosi piloti come Ayrton Senna, James Hunt, Niki Lauda, Emerson Fittipaldi, Alain Prost e Lewis Hamilton.

Dal 1967 al 1972, per 5 anni di fila la McLaren vince il campionato Can-Am, 3 titoli nella 500 Miglia di Indianapolis e nel 1995 vince la 24h di LeMans.

Dal 2011 la McLaren ha ripreso la produzione della vetture stradali precedentemente interrotta, producendo la McLaren 12C e la McLaren P1.

Potrebbe interessarti>>>Come far “esplodere” una McLaren 720S: il video dell’incidente

In fiamme 200.000 euro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Hotel Pordoi (@hotelpordoi)

Lo scorso 4 Luglio sul Passo del Pordoi, un turista scandinavo ha deciso di visitare le Dolomiti con la sua McLaren MP4-12c, purtroppo l’auto non potrà tornare a casa a causa di un malfunzionamento. Il malfunzionamento dell’auto ha causato un incendio facendola diventare, così, dopo solo 5 minuti, un ammasso di rottami.

La fuoriserie della casa britannica rappresenta la rinascita della McLaren nel 2012, è alimentata da un potente motore V8 da 3,8 litri turbocompresso che sviluppa 600 cavalli di potenza che con la trazione posteriore ed un cambio sequenziale a 7 marce, che permette all’auto di raggiungere i 100 km/h in soli 3,3 secondi con una velocità massima di 330km/h, un’auto che non ha nulla da invidiare alle nuove supercar.

Potrebbe interessarti>>>Tonino Lamborghini, altro che supercar: guardate come va in spiaggia