Altro che Tesla, Tonino Lamborghini faceva già auto elettriche negli anni ’90

Già negli anni ’90 Tonino Lamborghini metteva un piede nel futuro, creando le prime auto elettriche per tutti.

town life lamborghini
Helektra di Town Life (facebook)

Nel corso della sua storia, la Lamborghini ha prodotto alcune tra le migliori supercar e hypercar mai viste nel mondo. Dagli anni 70 ad oggi, questo processo continua a rinnovarsi anno dopo anno, decennio dopo decennio, ma non ci sono solo automobili veloci quando si parla di questo cognome.

Infatti, Tonino Lamborghini, figlio del grande e visionario Ferruccio, ha creato a fine anni 90, il brand Town Life. Come si evince dal nome, si parla di minicar elettriche adatte per girare in città, difatti quelle che oggi si chiamano city car.

Piccole e agili, le macchine create da Tonino ben presto divennero molto di moda, e il brand iniziò a salire vertiginosamente. Tuttavia, la salita che sembrava inarrestabile ebbe un suo picco verso il 2003, per poi calare sempre di più fino alla resa del 2008.

Potrebbe interessarti >>> Lamborghini in vendita: potrebbe diventare svizzera | La cifra è da capogiro

Town Life, caratteristiche delle macchine e strategie

lamborghini town life
Helektra di Town Life (facebook)

Le macchine di Town Life sono state di tre tipi diversi, e tutti hanno portato il nome dei figli di Tonino Lamborghini. La prima, si chiama Ginevra, la seconda Ferruccio e la terza Helektra, con quest’ultima oggi personaggio social/televisivo famoso e di cui vi abbiamo già parlato.

La minicar che porta il suo nome è l’ultima arrivata ormai molti anni fa, nonché la più evoluta anche dal punto di vista elettrico. Difatti, il motore green era di 4 kW, con velocità di 45 Km/h e autonomia addirittura arrivata a 175 Km.

Potrebbe interessarti >>> Lamborghini, svelata la nuova hypercar: una sportiva tutta italiana | Foto

Ad oggi, dopo la fine del successo del brand, Tonino Lamborghini vuole riprendere Town Life cercando fortuna in Asia. Dapprima, la sua meta è l’India, che sarà lo scenario della collaborazione tra l’azienda italiana e la Kinetic, attiva nella produzione di veicoli a zero emissioni.