Altro che supercar… Questa sì che è un’auto “stellare” | Ecco perché – Foto

Si tratta di un’auto di produzione a tutti gli effetti di cui 2.270 sono stati prodotti tra il 1970 e il 1974.

La Bond Bug è un’automobile britannica a due posti e tre ruote che utilizzava lo stile a forma di cuneo delle supercar all’avanguardia dei primi anni ’70, come la Lamborghini Countach, ma senza il prestigio della potenza, la maneggevolezza o il bell’aspetto.

Bond Bug (Silodrome) 2
Bond Bug (Silodrome)

La Bond Bug

Non c’è dubbio che la Bond Bug 700ES sia una delle auto sportive più insolite di tutti i tempi. Il 700ES era la versione di smistamento top di gamma del curioso Bug che era in grado di raggiungere i 122 km/h. Il Bond Bug è stato introdotto nel 1970 e venduto fino al 1974, con 2.270 esemplari realizzati.

Insolitamente il corpo del Bond Bug si apre verticalmente per consentire alle persone di entrare e uscire, una delle pochissime auto di produzione nella storia ad utilizzare questo sistema e gli schermi laterali vengono utilizzati al posto delle porte più tradizionali.

Quando fu lanciato nel 1970, il Bug fu offerto con un motore a 4 cilindri in lega leggera Reliant da 700 cc che produceva 29 CV. La potenza è stata rinviata attraverso una trasmissione a 4 velocità all’estremità posteriore dell’assale motorizzato. Quando il modello 700ES è stato introdotto, presentava un motore potenziato con una nuova testata e un rapporto di compressione più elevato, fino a 8,4:1 dall’originale 7,35:1.

Bond Bug (Silodrome) 3
L’abitacolo del Bond Bug (Silodrome)

Sia la potenza che la coppia sono state migliorate con la precedente cifra che sale a 31 CV. Una versione più potente da 750 cc di questo motore sarebbe stata utilizzata più avanti nella corsa di produzione, dando un’ulteriore spinta sia alla coppia che alla potenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dai figli dei fiori a Star Wars è un attimo | Ecco che fine ha fatto un iconico mezzo Volkswagen

L’auto in Star Wars

Si tratta quindi di un’auto di produzione a tutti gli effetti di cui 2.270 sono stati prodotti tra il 1970 e il 1974. I primi progetti arrivarono lontano 1964, doveva essere chiamato Reliant Rogue, tuttavia Reliant sentiva che un design così stravagante avrebbe potuto danneggiare la loro identità di marca.

E, invece, il Bond Bug ha dato il suo telaio e la marcia al veicolo che sarebbe diventato il Landspeeder di Luke Skywalker nel film Star Wars del 1977. L’auto è stata progettata da Tom Karen di Ogle Design per la Reliant Motor Company, che aveva acquistato Bond Cars Ltd nel 1969. Karen avrebbe successivamente sviluppato il Landspeeder e utilizzato la piattaforma Bug per esso.

Bond Bug (Silodrome)
Il retro del Bond Bug (Silodrome)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Più che un’utilitaria sembra una navicella spaziale | La Fiat 500 di Guerre Stellari

Il Bug ha una carrozzeria in fibra di vetro su un telaio in acciaio, con una ruota davanti e due dietro. Il motore è montato nella parte anteriore e l’auto ha due posti a sedere. A causa del fatto che è un tre ruote, il Bug è stato registrato come una motocicletta che ha permesso di risparmiare denaro. E di renderla poco costosa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Volkswagen Golf GTI W12-650: la supercar travestita che faceva tremare le Ferrari  VIDEO

L’esempio più famoso del Bond Bug è stato il già citato Landspeeder di Star Wars (1977) guidato da Luke Skywalker su Tatooine. Il Landspeeder è stato sviluppato dallo stesso uomo che ha progettato il Bug: Tom Karen di Ogle Design. Gli specchi sono stati montati lungo ciascun lato del Landspeeder con una leggera angolazione verso il basso. Per dare l’illusione che il veicolo stesse galleggiando. Proprio come nello spazio.