Lada Niva: l’eroica 4×4 russa torna sul mercato ma viene “boicottata” | Ecco cosa si insinua – Video

Se in Europa tanti appassionati aspettano a braccia e garage aperti la nuova Lada Niva Bronto, negli USA la stampa specializzata non è così elettrizzata all’idea dell’arrivo della 4×4 russa…

Tra Stati Uniti e Russia, storicamente, non corre proprio buon sangue. Si, le relazioni diplomatiche tra i paesi hanno alti e bassi ma basta vedere film come Rocky III o Alba Rossa per farsi un’idea della grande rivalità tra i due paesi, risalente alla Guerra Fredda quando ancora la Russia era un conglomerato di repubbliche sovietiche.

autoscout-7
Lada Niva (AutoScout)

La politica c’entra qualcosa con la cattiva accoglienza che alcuni giornali statunitensi sembrano voler riservare alla nuova Lada Niva Bronto? Forse si: difficile recensire negativamente un’auto che non è ancora uscita! Ma andiamo con ordine…

Ormai, l’arrivo di una nuova Lada Niva è nell’aria da tempo: il fatto che la jeep sovietica abbia venduto così bene pure in occidente, ha spinto Lada a lavorare senza sosta sul progetto della erede di questa vettura che secondo varie indiscrezioni dovrebbe arrivare in Europa a partire dal 2024. Riviste americane come CarBuzz danno però già per spacciata la fuoristrada russa, con queste motivazioni.

Ti potrebbe interessare anche -> Lada Bronto, quando arriva? Tutte le info 

Non è un vero fuoristrada

Con un prezzo stimato di 13.000 Dollari a cui bisognerà prevedibilmente aggiungere le spese di importazione e magari qualche Dollaro in più per degli optional, la Bronto 4×4 mette in serio pericolo il mercato USA delle jeep: tra le più economiche fuoristrada locali infatti, abbiamo la Jeep Wrangler che costa poco meno di 30.000 Dollari.

Facbook
Lada Niva Bronto, coming soon… (Facebook)

Ti potrebbe interessare anche -> Le italiane più vendute al mondo | C’è pure la Fiat russa 

“Qui in America la Niva non ha chances“, scrive lapidarioail giornale USA, attaccando l’auto ancora prima di averla testata. Il motivo dietro gli attacchi sarebbe un video – che vi lasciamo qui sotto – in cui si vede la Bronto 4×4 affrontare un percorso accidentato con dotazioni quali fari al LED e parafanghi rinforzati.

“La Niva vuole disperatamente essere una 4×4. E’ una competitor della Suzuki Jimmy e noi preferiamo la Jimmy“, si legge nell’articolo, mettendo a paragone la Niva Bronto con la Wrangler e con il SUV giapponese. Ora, non sappiamo cosa bolla in pentola con la Bronto ma la vecchia Niva era a tutti gli effetti un fuoristrada, anche molto solido per giunta.

Ti potrebbe interessare anche -> Dalla tundra al Sahara è un attimo | Lada non si ferma mai

Il mercato USA insomma ha in servo un’accoglienza fredda per la Niva Bronto: ma l’auto viene dai ghiacciai più freddi del pianeta; secondo voi si lascerà intimidire da queste prese di posizione? Improbabile. In Italia nel frattempo, tanti appassionati attendono con ansia il fuoristrada.