Cizeta Moroder: un sogno realizzato a suon di musica | E che musica il 16 cilindri…

Uno dei pochissimi veicoli a 16 cilindri del dopoguerra messi in produzione. Con prestazioni incredibili, un design straordinario e una storia affascinante.

Il collaudatore Lamborghini e ingegnere di sviluppo Claudio Zampolli si è trasferito a Los Angeles negli anni ’80. Lì ha avviato un’attività di successo nella manutenzione di veicoli esotici. Ma i suoi sogni non sono finiti qui: determinato a costruire la sua supercar, Zampolli ha collaborato con il produttore musicale e compositore Giorgio Moroder alla fine degli anni ’80. Ha intrapreso un viaggio per creare una macchina come niente fosse mai stato visto prima. Quell’auto ora è in vendita sul portale RM Sotheby’s.

Cizeta Moroder (RM Sotheby's)
Cizeta Moroder (RM Sotheby’s)

La Cizeta Moroder

Da quell’unione, infatti, è nata la Cizeta Moroder. Un’auto unica, sotto tutti i punti di vista. Anche se la collaborazione non è durata tantissimo. Giorgio Moroder ha lavorato con molti degli artisti più venduti dell’epoca e ha vinto un totale di tre Academy Awards e quattro Grammy Awards durante la sua carriera. Moroder ha incontrato Zampolli nella sua esotica officina di riparazione di auto di Los Angeles e il loro interesse comune per le auto sportive ha portato a discussioni sulla creazione di una nuova supercar. La partnership di Zampolli con Moroder, che fungeva da investitore, si è dissolta dopo la creazione del primo prototipo a causa di frustrazioni per i ritardi. E il nome di Moroder è stato eliminato dalle vetture di produzione.

Cizeta Moroder (RM Sotheby's) 3
Cizeta Moroder (RM Sotheby’s)

Zampolli voleva costruire qualcosa che avrebbe catturato i titoli dei giornali e sapeva che un innovativo V-16 era la risposta. Ispirata al layout del motore della Lamborghini Miura, la creazione di Zampolli prevedeva un V-16 da 6,0 litri montato trasversalmente con un cambio manuale a cinque marce. La splendida carrozzeria è stata realizzata dal leggendario designer Marcelo Gandini. Noto anche per aver progettato la Miura, la Lamborghini Countach, la Lancia Stratos e innumerevoli altre auto iconiche.

La Cizeta-Moroder V16T è una supercar vista di rado ma incredibilmente interessante. Ed è anche uno dei pochissimi veicoli a 16 cilindri del dopoguerra messi in produzione. Con prestazioni incredibili, un design straordinario, una storia affascinante e il massimo dell’esclusività.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Una supercar unica (nel vero senso della parola) al prezzo di un’utilitaria | Ecco quale scegliere

L’auto in vendita

Alla fine, costruiti solo nove esemplari di produzione (più il prototipo, per un totale di 10 vetture) a causa delle sfide di produzione e della pura complessità delle vetture. Per Zampolli, invece, Cizeta è stato un successo. Il suo sogno di costruire una supercar esclusiva di sua progettazione era stato realizzato e il risultato finale era a dir poco spettacolare.

Cizeta Moroder (RM Sotheby's) annuncio
Cizeta Moroder (RM Sotheby’s): l’annuncio

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rarissima Lamborghini Countach all’asta ad una cifra incredibile | Sembra uno spazzaneve

La Cizeta-Moroder V16T telaio numero 001 vide per la prima volta il pubblico in un evento di inaugurazione tenutosi a Los Angeles il 5 dicembre 1988. Il popolare conduttore Jay Leno ha ospitato la serata. E Moroder ha persino composto una canzone originale per l’evento.

Rifinita in bianco perla con interni in pelle rossa, l’auto prototipo era perfettamente funzionante. Tuttavia, molte sottili differenze apportate alla produzione V16T, rendendo il telaio 001 unico a sé stante. Alcune delle differenze esterne includono prese d’aria laterali significativamente più grandi con più corsi di fasciame. Una piega diagonale nella parte inferiore della carrozzeria che si lega al design del paraurti posteriore. Diversi indicatori di direzione e fendinebbia e diversi specchietti laterali. Il telaio 001 ha anche un interno completamente unico. Con cruscotto, tunnel centrale, volante, pannelli delle porte e sedili tutti diversi da quelli della V16T di produzione.

Giorgio Moroder ha mantenuto la proprietà dell’auto dopo la fine dei suoi doveri per lo spettacolo, e l’ha tenuta in deposito prima di decidere di farla rimettere in servizio completamente. Restaurando completamente l’auto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>BMW: i modelli elettrici si muoveranno sulla musica di un grande compositore

Che ora è in vendita sul noto portale RM Sotheby’s.