Davide Brivio, ma quale futuro da scrivere: l’ultimo “smacco” a Valentino Rossi prima del ritiro

Davide Brivio, un volto noto del motorsport sia a due che a quattro ruote, esce finalmente allo scoperto. E le sue parole a Valentino Rossi non piaceranno.

Davide Brivio, un nome noto agli appassionati di motori ed in particolare a quelli di motociclismo. E’ infatti una delle personalità più influenti e di rilievo degli ultimi 20 anni di motorsport, oltre che di grande successo. La sua carriera è iniziata oltre trent’anni fa e non accenna a terminare nemmeno tra tante difficoltà di un ambiente che, fino a meno di un anno fa, non gli era mai appartenuto.

Davide Brivio F1 MotoGP Yamaha Suzuki Alpine
Davide Brivio (Web source)

Potrebbe interessarti>>> Alonso, con Alpine e Brivio torna in F1: pronto a vincere la prova del tempo

Davide Brivio: “eroe del Sol Levante”

Nato a Monza il 17 luglio 1963, Davide Brivio è da sempre appassionato di motociclette; ha conseguito il diploma di ragioniere programmatore. Nel 1992 inizia a prendere vita la sua carriera di team manager che ricopre per 9 anni in Sbk con la Yamaha dove nel 2000 sfiora il titolo mondiale con Noriyuki Haga.

Davide Brivio F1 MotoGP Yamaha Suzuki Alpine
Davide Brivio e Valentino Rossi (Web source)

Potrebbe interessarti>>> Davide Brivio è già pentito: l’insospettabile decisione del team manager dopo le critiche

Nel 2001 approda nel motomondiale alla guida del team clienti della scuderia nipponica. Nel 2002 passa in ufficiale dove trova una coppia di piloti di altissimo livello targata Carlos Checa e Max Biaggi. Non arriva nessun successo iridato, però, fino al 2004 quando il team giapponese ingaggia Valentino Rossi che gli regala quattro titoli mondiali (2004, 2005, 2008 e 2009). Nel 2010, esattamente come il Dottore, lascia la Yamaha; per rivederlo all’opera al comando di una scuderia, bisognerà aspettare il 2015 alla Suzuki.

Potrebbe interessarti>>> F1, Alpine per il 2022 regala la miglior “accoppiata” in griglia di partenza

Torna al successo mondiale con Joan Mir nel tribolato Mondiale 2020 di MotoGP. Nel 2021 abbandona le moto e passa in F1 dove diventa Racing Director di Alpine; alcune voci, però, lo vedono già lontano dalla massima serie automobilistica, reo di non trovarsi a suo agio nella nuova esperienza nel mondo dei motori.

Davide Brivio sbarra la strada alla MotoGP: solo F1 nel suo futuro

Tanto successo nel motociclismo per Davide Brivio, che dal 2021 è passato in F1 come Team Director di Alpine. Tante voci, nell’ultimo periodo, ne hanno messo in dubbio la permanenza a causa di qualche difficoltà di troppo ad ambientarsi nel circus della competizione automobilistica per eccellenza. Il tecnico lombardo, proprio per questo, ci ha tenuto a ribadire che il suo ritorno nella classe regina è assolutamente da escludere.

Davide Brivio F1 MotoGP Yamaha Suzuki Alpine
Davide Brivio e Fernando Alonso (Web source)

Potrebbe interessarti>>> Valentino Rossi ha già il posto assicurato | ecco dove potrebbe lavorare in futuro

Ai microfoni di Sky Sport ha ribadito la sua volontà di rimanere in Formula Uno, malgrado le voci che lo avrebbero rivoluto in Suzuki o addirittura nella Ducati del team di Valentino Rossi nel 2022. Certo, ha ammesso di dover imparare ancora tantissimo da un mondo a lui ancora semi-sconosciuto; ma il suo messaggio è chiaro e non richiede particolari interpretazioni: il suo futuro parla francese e, soprattutto, a quattro ruote.