Sfida Porsche e Ferrari con la Fiat Uno Turbo | Il video è al cardiopalma

Ci siamo imbattuti in un video che fa veramente paura. Beccatevi l’ultima impresa della Fiat Uno Turbo al Nurburgring.

Ci siamo imbattuti in un video che fa veramente paura. Un’auto non da corsa nonostante la parola turbo nel nome, che si batte con supercar e macchine da competizione nell’inferno verde, ovvero il mitico Nurburgring.

Come vedete dal video, si nota la piccola Fiat Uno Turbo sgomitare contro vettura da corsa come Porsche e Ferrari, o anche BMW. Insomma, certamente il guidatore dell’automobile si sarà divertito sul circuito tedesco.

Del resto, con un’automobile come la Uno Turbo che si trova nell’immaginario collettivo degli appassionati, girare su uno dei tracciati più importanti, storici e difficili del mondo sarà stata un’emozione unica a dir poco per il conducente della vettura.

Potrebbe interessarti >>> Ricordate la Fiat Tempra? In Italia era da “sfigati”, in Brasile da Fast&Furious

Fiat Uno Turbo, caratteristiche

Questo video ci permette di tornare un po’ indietro nel tempo e di analizzare la mitica Fiat Uno Turbo. Nata nella sua prima versione nel 1985, questa macchina ottenne subito un ottimo successo, tanto da durare fino 1994 negli aggiornamenti.

fiat turbo
Fiat Uno Turbo (it.wikipedia.org)

Potrebbe interessarti >>> Una “modesta” Fiat di 20 anni che fa arrossire le Ferrari | La Marea Turbo da 500 cavalli

È chiaro come la cosa che più attirò i clienti fu il turbocompressore, il quale era giapponese. Il motore quindi era turbocompresso e riusciva a erogare fino a 105 cavalli di potenza. La seconda serie del 1989, poi, vide l’installazione di un nuovo motore con il raggiungimento dei 116 cavalli di potenza.

Infine, Fiat Uno Turbo ebbe pure degli allestimenti speciali grazie alla produzione di officine private. In pratica, queste ultime usarono la scocca originale della casa torinese per poi modificare il resto dell’auto secondo il volere dei clienti. Inoltre, sul cofano a identificare queste macchine speciali c’erano delle targhette per l’appunto identificative.