A 20 anni dalla morte va all’asta l’auto della principessa “ribelle” d’Inghilterra

Personalità più complessa e ribelle rispetto alla sorella. Ecco l’auto che ha guidato per circa 13 anni fino alla scomparsa

Ha lasciato questo mondo da quasi vent’anni ormai. Sua Altezza reale la principessa Margaret, contessa di Snowdon era la seconda figlia di re Giorgio VI del Regno Unito e di Elizabeth Bowes-Lyon, nonché sorella minore della regina Elisabetta II. La sovrana, tuttora regnante, simbolo di longevità.

La principessa Margaret da anziana (Getty Images)
La principessa Margaret da anziana (Getty Images)

La principessa Margaret

Personaggio che ha sempre vissuto un po’ nell’ombra della sorella Elisabetta. Ma, non per questo meno forte e meno significativo. Ha vissuto il difficile periodo della Seconda Guerra Mondiale. Quando le Autorità Britanniche consigliarono ai Reali di abbandonare l’Inghilterra verso il più sicuro Canada, ci fu il rifiuto. Margaret, quindi, visse quel drammatico periodo all’interno delle dinamiche di guerra. Seppur piccolissima.

A differenza di altri membri della famiglia reale, Margaret non era tenuta a partecipare alle funzioni pubbliche o ufficiali durante la guerra. Sviluppò quindi le sue abilità a cantare e suonare il pianoforte. Soffrì molto la morte del padre.

Principessa Margaret (Getty Images) 3
Il funerale della Principessa Margaret (Getty Images)

Margaret viaggiò molto e fece molte opere di carità. Tuttavia, gli ultimi anni di vita della principessa furono segnati da malattie e disabilità. Complice la sua attitudine di bevitrice e fumatrice accanita dall’età di 15 anni. Insomma, era certamente una personalità più complessa e ribelle rispetto alla sorella Elisabetta. Qualche mese fa, sul portale RM Sotheby’s andrò anche all’asta una delle 18 Rolls-Royce Phantom IV prodotte tra il 1950 e il 1958 per i leader mondiali e di capi di Stato. Si trattava di uno dei 18 esemplari prodotti, e dei 16 sopravvissuti, tra il 1950 e il 1958.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> L’auto della Regina Elisabetta, un esemplare unico in vendita mai entrato in servizio

L’auto di Margaret

Prima dell’acquisto della Phantom IV la famiglia reale britannica preferiva le Daimler. La predilezione nei riguardi della Rolls-Royce continuò fino al 2002 con l’acquisto di una Bentley, la State Limousine.

La sorella della regina Elisabetta la guidò per 13 anni. Percorrendo poco più di 43.000 km. Un tragitto classico era quello verso Downing Street per gli incontri con l’allora primo ministro Winston Churchill.  Negli ultimi anni rimase nell’Essex, dove il suo proprietario, il collezionista americano Robert Shaffner, la mostrò solo occasioni speciali come matrimoni e feste o per esigenze cinematografiche.

Phantom IV (RM Sotheby's)
La Phantom IV della principessa Margaret (RM Sotheby’s)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Avete mai visto la Rolls Royce cinese? Da fuori è identica all’originale  Video

La Phantom IV è stata l’unica automobile Rolls-Royce ad essere dotata di un motore a otto cilindri in linea, una versione raffinata del propulsore militare e commerciale B80/81. Era montato su un telaio derivato da quello della Silver Wraith, ma allargato a un passo di 3.683 millimetri opportunamente regale e notevolmente rinforzato per trasportare anche la carrozzeria formale più sfarzosa. La Phantom IV della principessa Margaret era rifinita interamente in nero, con finestrini e divisori ad azionamento elettrico, un pannello del tetto in vetro con tendina in tessuto ad azionamento elettrico, tendine parasole, luce blu della polizia e supporti per l’araldica reale e un’asta portabandiera sopra la testata del parabrezza.

Da sempre amante delle auto potenti, aveva deciso che avrebbe preferito guidare lei stessa occasionalmente la Phantom IV. Fu quindi dotata di cambio automatico e di uno speciale sedile del guidatore rifinito in morbido panno, anziché la consueta pelle, con la possibilità di regolare il sedile sia in altezza che in profondità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Arte povera: quando non puoi permetterti una Rolls Royce, ma la vuoi a tutti i costi

Degli 18 esemplari, cinque finirono alla famiglia reale britannica, tre al governo spagnolo, tre agli Hakim del Kuwait e due ciascuno alla famiglia reale dell’Iraq e allo Scià dell’Iran.