Wanna Marchi e Stefania Nobile di nuovo insieme: ecco che fine hanno fatto dopo la galera

Wanna Marchi è riuscita in anni di “onorata” carriera a vendere di tutto,  il “classico ghiaccio agli Eschimesi”. Ma una cosa no!

Wanna Marchi e Stefania Nobile (Instagram)

Imbonitrici di professione

Wanna Marchi è nata a Castel Guelfo (BO) nel 1942. Rimasta orfana di padre, cominciò ben presto a lavorare come estetista. Negli anni 80 comprese le potenzialità commerciali del mezzo televisivo ed era già in video con il suo Wanna Marchi Show, vendendo miracolosi prodotti dimagranti, ringiovanenti, rinvigorenti e rimbecillenti ai malcapitati che la seguivano. In questa sua “nobile” impresa (passateci il gioco di parole) era sua “complice” la figlia Stefania Nobile, per l’appunto. Negli anni 90 le due venditrici cambiarono settore, passarono dall’estetico all’esoterico. In società con il benemerito mago Do Nascimento cominciarono a vendere numeri vincenti al lotto, pozioni contro il malocchio ed altri rimedi. Peccato che tale commercio ed i metodi usati non fossero proprio legali.

La resa dei conti

A seguito di un’inchiesta condotta all’epoca da Striscia la Notizia, le brave fanciulle furono arrestate, processate e condannate. Le quisquilie loro addebitate erano associazione a delinquere, truffa aggravata e bancarotta fraudolenta. Le condanne ammontarono a 9 anni ed una manciata di mesi per entrambe. Uscite dall’hotel di stato, cominciarono a lavorare nel locale del fidanzato della Nobile, nobile d’animo anche lui. La specialità del ristorante era il conto. In genere ammontava a migliaia di euro per piatti il cui prezzo non era indicato in menu.

Le Marchi e Boldi
Le Marchi con il vip d turno, Massimo Boldi (instagram)

 

Potrebbe interessarti anche —>  Comprare una Porsche cabrio è possibile. Questa costa meno di un’utilitaria

New life

Pagato il loro debito con la giustizia, le due “venditrici” hanno cominciato una nuova vita. Stefania è diventata agente di grandi uomini di spettacolo dalla vita specchiata e dall’indubbia moralità quali Fabrizio Corona e nel contempo ha trasferito tutte le sue attività imprenditoriali in Albania. Ed è dal Paese delle Aquile che le due ci comunicano tramite i social di essere in vacanza. Una vacanza on the road su una imprecisata Porsche. Per girare sulle strade panoramiche ricche di curve dell’Albania, l’auto della casa di Stoccarda è davvero il massimo. Ad esempio la 911 GT3 grazie alla struttura dinamica e leggera ed all’estrema reattività regala meravigliosi momenti di guida.

Seppur lieti che le vicende giudiziarie della Marchi & co. siano concluse (per fine pena), ci auguriamo che abbiano intenzione di dedicare le loro energie ad imprese migliori rispetto al passato, d’acccoooordooo? (Ma… sarà autentico lo stemma Porsche o lo avranno staccato da una vera?)

 

Potrebbe interessarti anche —> Vacanze in auto. Quando la natura diventa un hotel a 5 stelle – video 

Wanna Marchi e la figlia
La Porsche e le Marchi (Instagram)