Mazda e l’airbag pericoloso: la modifica incredibile e il maxi richiamo

Nuovi problemi per Mazda dopo quelli dei mesi scorsi, stavolta la colpa è degli airbag al volante.

mazda problemi logo
Operaio al lavoro sull’airbag (Getty Images)

Mazda trova dei nuovi problemi negli Stati Uniti dopo quelli dei mesi scorsi, in cui furono accertati milioni di airbag non funzionanti. Stavolta, il rischio lo corrono le Mazda 3, di cui 260mila appena richiamate.

Il guasto consiste nel malfunzionamento dell’airbag sul volante, quello che praticamente esce dal logo. Ciò che succede, è che quest’ultimo quando esce il pallone gonfiato va a frammentarsi in tanti piccoli pezzi, che poi possono causare danni alle persone. Senza andare troppo nel dettaglio, stiamo parlando dell’idrolisi, ovvero quel processo per cui un materiale perde di affidabilità e di resistenza.

Mazda si è prontamente attivata dopo la segnalazione di alcuni guidatori, e ha richiamato i veicoli a costo zero. Al momento, pare siano escluse le macchine circolanti in Europa, ma mai dire mai.

Potrebbe interessarti >>> Lancia Delta Integrale e Fiat 131 Abarth conquistano i rapper americani

Mazda, verso la neutralità carbonica

mazda neutralità carbonica
Mazda EV (newsroom.mazda.com)

Mazda così come tutte le altre grandi case dell’automotive è pronta a elettrificare tutta la sua gamma. L’obiettivo fissato dal marchio giapponese è simile a quello di molte altre aziende, ovvero avere entro il 2030 un quarto dei veicoli solo elettrici.

Qui però avviene una diramazione, in quanto Mazda ha anche intrapreso la strada dell’ E-fuel, entrando nell’eFuel Alliance, una road che non porta solo al green, ma anche all’hybrid e ai biocarburanti. In pratica, secondo l’azienda nipponica il futuro è multi-solution, non c’è una sola cosa da fare e da seguire, ma esiste una scelta.

Potrebbe interessarti >>> L’anno più sfortunato di Mario Balotelli: dall’incidente ai problemi economici

La data fissata da Mazda, poi, per la neutralità carbonica piena è il 2050, andando qui in linea con il patto sul clima di Parigi. Inoltre, il marchio ha anche deciso di aiutare le persone a cambiare culturalmente per abbracciare l’elettrico, e per questo aprirà degli sportelli per supportarli nella scelta.

Mazda. dunque, tra problemi del passato del presente e del futuro, vuole muoversi sui suoi passi, senza seguire per forza gli altri e le mode del momento. Vedremo se in Giappone avranno fatto la cosa giusta, o se stanno perdendo del tempo.