Valentino Rossi: la crisi da cui non esce | Petronas si organizza

Valentino Rossi non riesce a uscire dal tunnel nel quale è entrato in questa stagione, e Petronas non sembra più volerlo aspettare.

rossi petronas
Valentino Rossi nel box Petronas (Getty Images)

Dopo quello che sembrava essere un buon weekend a Barcellona, Valentino Rossi non è riuscito a uscire dalla crisi nel quale si trova in questo inizio di stagione della MotoGP. Mai col ritmo giusto, a causa dei soliti problemi con la gomma, soprattutto al posteriore, il pilota di Tavullia è caduto in gara alla curva 10, maledetta anche per altri rider.

Il tunnel nel quale è incappato il nove volte campione del mondo rischia di farlo uscire per sempre dal mondo delle corse, letteralmente parlando. Infatti, avendo già un suo team per l’anno prossimo nella classe regina, potrebbe andare a correre per se stesso o ritirarsi facendo il manager.

Proprio per questo, oltre che per l’ormai imminente annuncio di Ducati come fornitore delle moto, il team Yamaha Petronas si guarda attorno. Infatti, si pensa ai possibili sostituti di Valentino Rossi per il 2022, e tutto sembra portare alla Moto 2.

Potrebbe interessarti >>> MotoGP, a Barcellona vince Oliveira: problemi assurdi per Quartararo

Petronas, 4 nomi per sostituire Rossi

petronas rossi sostituti
Raul Fernandez pilota KTM in Moto 2 (Getty Images)

Sembra che siano 4 i nomi scelti da Petronas per sostituire Rossi nel 2022: Fernandez, Dixon, Vierge e Roberts. Il primo, tuttavia, è impegnato contrattualmente con KTM, e potrebbe rimanere un altro anno in Moto 2, oppure dare via a una rivoluzione nel team satellite della MotoGP, in cui c’è già Gardner promosso, e con Lecuona e Petrucci entrambi a rischio.

Dall’Inghilterra, fino a qualche settimana fa, si faceva il nome sempre più costantemente di Dixon, uno dei preferiti del team Petronas perché talentuoso ma anche britannico, nazionalità che al momento manca nella classe regina e che farebbe felice anche la Dorna.

Potrebbe interessarti >>> MotoGP, a Barcellona sempre Quartararo in pole: italiani a metà

Ci sarebbe anche Vierge, ormai veterano della Moto 2 avendoci corso 6 stagioni, di cui quella del 2020 e quella attuale, corse nel team Petronas Sprint Racing, insieme al compagno Dixon. Infine, c’è la scommessa Joe Roberts, il quale ha un talento ancora inespresso.

Petronas, dunque, ormai si guarda sempre più attorno, con il possibile addio ufficiale di Rossi che potrebbe arrivare entro agosto. Fino a quel momento, però, Valentino ha ancora due gare per riprendersi, e mostrare a tutti di che pasta è fatto una leggenda di questo sport.