José Mourinho e le automobili: nel 1996 rischiò la vita | Il retroscena

José Mourinho torna in Italia. Grande appassionato di auto, oltre venti anni fa rischiò addirittura la vita. Il retroscena (quasi) tragico

Mourinho auto retroscena 1996
José Mourinho (Getty Images)

José Mourinho, una personalità nota a tutti anche al di fuori del mondo del calcio grazie al suo forte carisma che lo ha sempre contraddistinto in carriera.

Il tecnico portoghese, che a partire dalla prossima stagione allenerà la Roma, è noto ai più per le straordinarie imprese compiute nei tanti club in cui è approdato, su tutti l’Inter con la quale ha conquistato uno storico quanto straordinario Triplete nel 2010 (Serie A, Coppa Italia, Champions League).

Potrebbe interessarti>>> Fedez, il rapper con la passione per le auto di lusso: il suo garage è da invidia

Definito Special One, farà ritorno in Italia. Destinazione Capitale. Una nuova avventura quindi per uno dei più grandi allenatori di sempre, che è anche molto altro: ad esempio, un grandissimo appassionato di automobili.

Ognuna di queste, racchiude una storia che merita di essere raccontata (nel bene o nel male).

Mourinho, le sue auto piene di retroscena: ecco quali

SUZUKI VITARA, L’AUTO QUASI “FATALE”

Non la prima auto della sua vita, ma di certo quella con il retroscena meno piacevole. Nel 1996, quando il portoghese deteneva una Suzuki Vitara, automobile che usò per arrivare a Setubal in Portogallo partendo da Barcellona, fu protagonista di un incidente stradale.

Nell’occasione era con Bobby Robson e doveva firmare un contratto proprio con il Barcellonadal 1996 al 2000 sarà il vice allenatore dei Blaugrana. Andarono in auto per non essere raggiunti da stampa e tifosi in aereoporto.

Sulla strada di ritorno, però, il tecnico iberico si addormenta alla guida. E così avviene un crash che poteva costargli addirittura la vita. Tuttavia, se la caverà con la rottura di alcune costole e alcuni punti di sutura in testa.

JOSE’, ESONERO E OMAGGIO: TUTTO “GRAZIE” AD ABRAMOVICH

Mourinho auto retroscena 1996
José Mourinho sulla Ferrari Scaglietti 612 (Getty Images)

Nel 2008 José Mourinho riceve una bellissima Ferrari Scaglietti 612. Un omaggio straordinario e a tratti inaspettato. Basti pensare da chi è arrivato dopotutto. Niente poco di meno che da Roman Abramovich, presidente del Chelsea, che lo aveva esonerato cinque mesi prima.

Potrebbe interessarti>>> Ferrari 330 GT LMB rinasce dopo 60 anni la storica di Le Mans

Questa vettura, dal valore di 250.000 euro, oltre ad essere uno dei 60 esemplari prodotti per celebrare il suo 60° anniversario, è un regalo speciale per un altro motivo: lo Special One confidò al numero uno del club britannico, nei mesi precedenti, che se avesse potuto scegliere una macchina, non avrebbe avuto dubbi: sarebbe stata proprio la Scaglietti.

Nonostante il licenziamento, dunque, Abramovich non si è dimenticato di Mou e, soprattutto, di un suo desiderio.

  IL 2010 E LO STORICO TRIPLETE CON L’INTER: MOURINHO SI REGALA UN’ASTON MARTIN RAPIDE
Mourinho auto retroscena 1996
José Mourinho sull’Aston Martin (Getty Images)
Tra i 25 trofei conquistati nella sua carriera, c’è anche la storica tripletta con l’Inter, sicuramente la più grande impresa nella carriera del tecnico. Dopo questo trionfo, finora non eguagliato in Italia, si concesse un regalo davvero speciale: l’Aston Martin Rapide.
Appena comprata, disse ai suoi figli di non avere la minima intenzione di vendere quest’automobile nemmeno in futuro. Ciò fa comprendere quanto ci tenesse ad una vettura che simboleggiava un anno davvero speciale a livello professionale per lui.