Olio da cucina al posto del diesel: la “bufala” che gira sul web | Come “buttare” l’auto

I prezzi dei carburanti stanno davvero mettendo in difficoltà milioni di automobilisti. Ma qual è la soluzione? C’è chi parla di olio da cucina ed affini. La verità su queste “soluzioni” è meglio conoscerla a fondo.

Ormai da settimane il prezzo del carburante ha raggiunto vette inimmaginabili fino a poco tempo fa. Vale esattamente il solito concetto per il diesel, che oramai costa addirittura più della benzina. Il che potrebbe spingere milioni di automobilisti a provare alternative decisamente meno penalizzanti (ma solo sulla carta).

Diesel (Web source)
Diesel (Web source)

Certo, è in arrivo il bonus carburante da parte dello stato italiano, ma ad ogni modo si pensa a come evitare di pagare così tanto nel breve termine. Magari utilizzando prodotti di uso quotidiano, o combustibili simili al diesel che però costano meno. Pensate, per molti un’alternativa valida è l’olio da cucina.

Olio da cucina al posto del diesel: una follia da killer di auto

L’Automobile Club tedesco ci ha tenuto a rispondere a questo importante quesito che ha pure riscontri storici. In effetti in passato si utilizzava l’olio da cucina con i motori diesel a precamera o ad iniezione diretta. Allo stato attuale, però, pensare che si possano ripetere le stesse operazioni è una mezza bufala. Perché adesso sistemi e pressioni di alimentazione sono cambiati.

La combustione è migliorata e le emissioni sono state ridotte. In precedenza, un motore digeriva variazioni della composizione del carburante che oggi si pagherebbero a caro, carissimo prezzo. Ed infatti, i costruttori non approvano l’utilizzo dell’olio da cucina, ma anche vegetale o da combustibile. Cerchiamo quindi di capire meglio cosa succederebbe in caso si volesse fare una prova.

OLIO DA CUCINA DA EVITARE NEI MODERNI DIESEL: ECCO PERCHE’

Il problema maggiore è la netta differenza di viscosità rispetto al diesel utilizzato solitamente. Gli oli vegetali, per esempio, portano a difficoltà di avviamento. E fanno pure gravi danni sulle prestazioni del motore e sulla vita dello stesso. Questo perché pompa ad alta pressione ed ugelli degli iniettori non sono progettati per questo tipo di alternative.

Gli effetti immediati, poi, possono essere i seguenti: combustione non ottimale e calo delle prestazioni. A medio e lungo termine, invece, l’alimentazione è esposta ad una maggiore usura. Si possono formare depositi e ostruzioni nel filtro del gasolio e lungo le tubazioni, si può inquinare l’olio motore se l’olio vegetale passa dalla camera di combustione lungo i cilindri.

Olio da cucina (Web source)
Olio da cucina, perché non può funzionare al posto del diesel (Web source)

Inoltre, gli acidi contenuti negli oli vegetali possono rovinare le guarnizioni. Nei vecchi motori diesel l’olio vegetale non creava particolari problemi perché le pressioni di alimentazione erano inferiori. Insomma, occhio a fare dei test sulla vostra auto che è spinta da un motore diesel.

Potrebbe interessarti>>> Olio motore per auto: come scegliere quello giusto?

I tempi cambiano, i propulsori si evolvono e di certo quel che funzionava circa un secolo fa difficilmente può funzionare pure adesso. Il momento è difficile davvero per ognuno di noi. Ma, come dire: rovinare la propria auto non è la soluzione.