Volkswagen Maggiolino: l’auto più versatile del mondo | Avete visto la versione Baja Bug?

La tradizione statunitense dei Monster Truck, enormi veicoli 4X4 che possono arrivare ad essere alti come una piccola casa, non si limita ai camion: vi presentiamo i cosiddetti Baja Bug Volkswagen.

Sono davvero poche le automobili che hanno scatenato la fantasia di inventori, progettisti e semplici appassionati di motori come la Volkswagen Beetle, piccola utilitaria economica rimasta in vendita per decenni senza praticamente subire modifiche estetiche. Il successo del Maggiolino potrebbe tranquillamente richiedere un articolo a parte per essere trattato, ma non ne parleremo oggi.

wk
Una Baja Bug impegnata in un tratto di sterrato (Wikipedia)

Quello di cui parliamo oggi infatti è solo un singolo capitolo della lunga storia dell’auto del popolo per eccellenza. Avete mai sentito parlare del termine Baja Bug? Con questo appellativo si indicano quei veicoli ricavati direttamente dal telaio di un normalissimo Maggiolino della VW, modificati a posta per affrontare terreni impervi grazie a sospensioni e pneumatici ampiamente modificati.

La tradizione dei Baja Bug ha radici piuttosto antiche: correvano gli anni 60 quando in California, su alcune delle spiagge più belle e soleggiate dello stato americano, iniziarono a circolare i primi Maggiolini modificati in questo modo. Inizialmente, la Baja Bug era un’alternativa più economica alle Dune Buggy, le auto da spiaggia, ma ben presto diventò un vero e proprio oggetto di culto.

Da alternativa a vera moda

Il primo utilizzo sportivo di una cosidetta Baja Bug sembra sia dovuto ad un tale Dave Deal, fumettista californiano che corse a bordo di un maggiolone modificato nel 1968 in una gara amatoriale. Poco dopo, in vendita comparvero i primi kit fai da te per trasformare una Beetle in uno di questi particolari veicoli dall’indiscutibile fascino estivo.

zero260
Spesso le Baja Bug esibiscono motori modificati (Zero 360)

Le caratteristiche di questi veicoli più evidenti sono gli pneumatici rinforzati, associati spesso a sospensioni capaci di reggere salti e bruschi impatti su sabbia ed altri terreni accidentati, paraurti e parafanghi ma soprattutto motori modificati, montati nella parte posteriore dello scafo come vuole la tradizione dell’auto.

Dopo un picco di popolarità ottenuto negli anni sessanta, le Baja Bug sono progressivamente finite “fuori moda”, sostituite via via da vetture simili che usano scafi di altre auto, montando propulsori ancora più potenti: ciononostante, troviamo ancora auto simili in aree desertiche dove hanno molto successo per la loro versatilità. Nel 2005, la Volkswagen ha omaggiato questo particolare veicolo con il concept VW Dune, mai prodotto in serie.

Ti potrebbe interessare anche -> Questo pullman con i cingoli ha uno scopo moto pacifico