Fast and Furious, la verità sulle macchine distrutte | Parla l’esperto: “Erano fasulle”

Vi siete mai chiesti come si fa a distruggere una supercar da centinaia di migliaia di Euro in un film? Ecco la spiegazione che potrebbe pure sorprendervi.

No, distruggere una supercar costosissima non è una buona idea quando si gira un film. Non tutti hanno i fondi di Dr Dre, il noto rapper e Producer americano che si è potuto permettere di distruggere una Ferrai per girare il video di un singolo poi – fortunatamente – diventato un successo commerciale che ha ripagato pure questo “investimento”.

sec
Riconoscete l’auto? (Super Elite Cars)

Prendiamo la saga Fast and Furious, un vero culto per gli appassionati di motori di tutto il mondo: nel corso dei film della saga, Dom Toretto ed i suoi ragazzi distruggono una gran quantità di automobili costose, alcune pure prodotte in serie limitatissima. Come fare? In certi casi, nemmeno togliere il motore e le componenti più costose da una supercar può assorbire un tale danno.

La risposta ce la dà Super Elite Cars, un’azienda americana che sul suo sito racconta gli episodi più incredibili in cui Hollywood ha chiesto l’aiuto del suo personale per “simulare” la distruzione di un’auto. Questa qui è un ottimo esempio per capire come hanno fatto.

Ti potrebbe interessare anche -> Quando Dre ha sacrificato una supercar per la musica – VIDEO

Non è come sembra

Nel capitolo 5 della saga, una delle auto più importanti ad apparire sullo schermo è una Ford GT40, vettura storica degli anni 60 con cui il pilota belga Jackie Icks trionfò alla 24 Ore Le Mans del 1966 nonostante la forte concorrenza di Porsche e Ferrari.

Superelitecars
Dom Toretto si avvicina all’auto brandendo una pericolosa arma (Super Elite Cars)

Ti potrebbe interessare anche -> La GT40 è anche figlia di Enzo Ferrari | Ecco perchè 

Per farvi capire quanto sia impossibile trovare una vera GT40, sappiate che nel 2012 un esemplare è stato battuto all’asta per ben 11 milioni di Dollari: abbiamo detto tutto. Ma la SEC aveva un asso nella manica: esiste una replica quasi perfetta della GT 40 chiamata RCR40 che vale molto meno dell’auto da corsa originale.

Nonostante non fosse un compito facile, anche grazie all’aiuto del manager della RCR, la ditta è riuscita ad approntare ben tre finte GT40 con tanto di pezzi di ricambio in appena sei settimane quando in condizioni normali ne servono almeno 20, dice l’azienda. Su schermo, nessuno si è accorto della differenza ed il film ha incassato ben 626 milioni di Dollari: insomma, tutto è andato a meraviglia e nessun’auto storica si è fatta male.