La moto più piccola del mondo è giapponese | Sta in uno zaino e la monti in un minuto

Una moto è già di per se un veicolo di piccole dimensioni. Ma cosa succede se qualcuno decide di farla diventare ancora più piccola?

Ricordate quella volta in cui in Giappone venne prodotta l’automobile più strana del mondo contenuta in una piccola valigia? Bene, a quanto pare nel Sol Levante quella di ridurre ai minimi termini i veicoli di locomozione è una moda vera e propria.

silodrome-7
Che ci crediate o no, è una moto (SiloDrome)

Negli anni sessanta, per essere precisi tra il 1964 ed il 1967, l’industria giapponese Fuji sperimentò una piccola due ruote per gli appassionati di viaggi e spostamenti imprevisti, talmente piccola da poter essere portata a mano come una normale valigia.

Questa curiosa motocicletta era perfettamente funzionante, spinta dal suo motore 50cc a due tempi. Praticamente, il veicolo poteva essere ripiegato su se stesso ed aperto al momento dell’uso, il tutto nel giro di un minuto. La domanda è: questa creazione ebbe successo o rimase ai margini del mercato?

Ti potrebbe interessare anche -> La macchina-valigia che fa impazzire il Giappone 

Oggi è più rara che mai

La motocicletta venne prodotta dalle Fuji Industries – che in seguito negli anni 70 avrebbero pure prodotto alcune auto Subaru – in una piccola serie durante i tre anni in cui la Go Devil restò in produzione: sponsorizzata come: “Tutto ciò che ti serve e nient’altro”, la due ruote divenne abbastanza popolare.

silo-2
Una delle moto che andranno all’asta (SiloDrome)

Ti potrebbe interessare anche -> Peel P50, un’auto che ti porti “in tasca” 

Ti potrebbe interessare anche -> Quando il Maggiolino divenne una moto 

Al giorno d’oggi però , trovarne una è davvero difficile. Recentemente, la Worldwide Auctioneers si è procurata due rari esemplari di Go Devil a cui purtroppo mancano le ruote frontali. Restaurarle non sarà facile e probabilmente farà salire ancora di più il prezzo già alto degli oggetti da collezione.

Una volta restaurate, le Go Devil andranno sicuramente all’asta. Un pezzo di storia molto interessante, questa strana moto, che può forse tornarci utile in un periodo in cui la mobilità in metropoli sempre più invase dal traffico torna ad essere un tema fondamentale.