Tutti pazzi per i Carabinieri, ma questo tizio ha davvero esagerato | L’arresto potrebbe essere immediato in Italia

Se c’è una forza militare che più di tutte rappresenta l’Italia e gli italiani quella è l’Arma dei Carabinieri. E non solo, dato che qualcuno si è divertito ad imitarla all’estero

Da quando ha iniziato a prendere vita nei primi anni del 1800, l’arma dei Carabinieri è senz’altro la forza dello stato, tra le tante, più conosciuta ed emblematica. E con il tempo anche la divisa e il mezzo di movimento utilizzato lo sono diventati; un vero e proprio connubio affascinante che ha reso uniche le forze dell’ordine più famose d’Italia. Talmente uniche, che in Giappone hanno tentato di imitare l’automobile dei Carabinieri quasi interamente.

Carabinieri Fiat Panda Giappone Italia
Auto Carabinieri

Potrebbe interessarti>>> Investe due Carabinieri con la Porsche: un piemontese nei guai. Assurda la causa dell’incidente

Fiat Panda dei Carabinieri in Giappone: tutto vero, ma non fatelo a casa

Una Fiat Panda, con livrea dei Carabinieri, è stata avvistata in Giappone; avete capito bene, è tutto incredibilmente vero. Ed un italiano – Flavio Parisi, insegnante all’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo – si è preso la briga di scattare qualche foto del mezzo che effettivamente appare molto simile a quello dei Carabinieri. Anche se qualche differenza da quella originale c’è eccome. A partire dal colore che sembra essere un blu più chiaro rispetto a quello ormai da anni utilizzato dall’Arma.

Carabinieri Fiat Panda Giappone Italia
Fiat panda Carabinieri in Giappone (Twitter Flavio Parisi)

Potrebbe interessarti>>> Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo 200 CV: è pronta la nuova “Gazzella” dei Carabinieri

E poi la Parola Carabinieri manca totalmente sul cofano. Senza dimenticare il dettaglio più importante: il volante si trova a destra e non a sinistra dato che questa Panda è stata prodotta per essere utilizzata in Giappone, dove peraltro è possibile visitare un piccolo museo dedicato alla mitica Fiat 500. Tornando all’automobile dei Carabinieri, comunque, è consigliabile non fare una cosa del genere in Italia.

Potrebbe interessarti>>> Auto dei Carabinieri centrata dai fuggitivi: il video dell’incidente diventa virale

Potrebbe venirvi contestato, infatti, il reato di possesso di segni distintivi contraffatti; in parole povere, per un fatto del genere si rischia fino a cinque anni di reclusione. Non proprio ideale, quindi, imitare la livrea dei Carabinieri, soprattutto in Italia dove la pena, lo ripetiamo, non è affatto leggera. Se siete appassionati della storica Arma, vi consigliamo di fare una bella collezione di modelli. Non rappresenteranno la realtà in tutto e per tutto, ma almeno non ti spediscono in galera.