Il “boss” della Mercedes passa a Ferrari | La decisione solo per una questione economica

Toto Wolff nonostante sia il capo di Mercedes in F1, sa bene che le macchine migliori per fare soldi le fanno a Maranello.

Toto Wolff è uno dei protagonisti indiscussi degli ultimi anni di F1. A capo della Mercedes come team principal, nel corso delle stagioni ha costruito una squadra vincente che a sua volta è riuscita a sfornare monoposto una migliore dell’altra.

Quest’anno la lotta per il mondiale è molto insidiosa, visto che Red Bull sta dando parecchio filo da torcere agli anglo-tedeschi, tuttavia Wolff ha anche altre cose a cui pensare. Difatti, nelle ultime ore il suo nome è stato accostato a Ferrari.

binotto wolff
Binotto e Wolff (Getty Images)

Tutto ciò avrebbe dell’incredibile, ma in realtà non è come state pensando voi. Infatti si parla della supercar di Maranello LaFerrari Aperta, che diverso tempo fa l’austriaco aveva messo in vendita. La cifra a cui è stata venduta è davvero eccezionale.

Potrebbe interessarti >>> Formula1, Bottas re dei punti nelle ultime gare: l’aria di Alfa si fa sentire

LaFerrari Aperta, caratteristiche

Toto Wolff evidentemente oltre ad essere un grande team principal, è bravo pure come imprenditore. Infatti, la LaFerrari Aperta costa da sola 1,6 milioni per il fatto di essere molto esclusiva, poi metteteci anche il fatto di essere stata posseduta e guidata dall’austriaco di Mercedes, e vedrete che saranno circa 3 i milioni ricavati dalla vendita.

wolff laferrari
Wolff con la LaFerrari Aperta (instagram)

Potrebbe interessarti >>> Ricordate Miami Vice? Ecco come diventarne protagonista con la Ferrari Testarossa

Questi, del resto, ci stanno tutti. Difatti, questa supercar esposta per la prima volta al pubblico nel 2016, monta un V12 che genera ben 800 cavalli di potenza più altri 163 derivanti dal propulsore elettrico. Un vero e proprio mostro ibrido.

Ancora, poi, la LaFerrari Aperta è ottima pure nel peso, che a secco è di soli 1255 Kg. Ciò chiaramente ha portato a maggior stabilità oltre che a migliorare l’efficienza aerodinamica. Inoltre, la Ferrari utilizzò anche tecnologia da F1, e questo ovviamente lega maggiormente la supercar a Wolff.