Ineos, da sponsor a costruttore: conosciamo la data dell’uscita mondiale del nuovo fuoristrada

Ineos è un’azienda che negli ultimi anni abbiamo imparato a sentire sempre di più. Adesso, è giunto il momento del suo off-road.

Ineos è un’azienda che negli ultimi anni abbiamo imparato a sentire sempre di più. Da semplice sponsor minore o primario, è diventato un marchio di prim’ordine. Gli appassionati di ciclismo certamente conosceranno la Ineos come squadra del World Tour, dopo aver rilevato il team Sky.

L’impresa britannica si è spinta pure in F1, prima come sponsor di Mercedes e poi come sua proprietaria al 33% insieme al team principal Wolff e a Daimler. Insomma, le mani in pasta sono un po’ ovunque tra motorsport, sport e strada, e adesso sono pure fuoristrada.

Grenadier
Il Grenadier

Da luglio è salita infatti sempre di più l’attesa per il fuoristrada di Ineos chiamato Grenadier, pronto a inserirsi nel mercato guardando più che all’asfalto all’off-road. Adesso l’azienda ha pure delineato i piani di vendita e assistenza di questo mezzo in tutto il mondo.

Potrebbe interessarti >>> La supercar indonesiana su base Lamborghini: “La peggior vettura mai provata..”

Ineos Grenadier, il piano internazionale

Ineos Automotive sta facendo accordi in tutto il mondo per garantire il successo adeguato al proprio Grenadier. Le vendite partiranno nel mese di luglio 2022, e nonostante manchi ancora tanto bisogna fare le cose per bene.

Grenadier
Il frontale del Grenadier

Potrebbe interessarti >>> Arriva dall’Oriente il suv stile Volvo che costa meno di una Dacia Duster

Per riuscirci l’azienda britannica ha stipulato una partnership con Bosch, nel dettaglio per avvalersi dei Bosch Car Service con garanzia sull’off-road di un anno. In pratica, si stima che i clienti non dovrebbero allontanarsi di più di 50 Km dalla propria casa per aggiustare il proprio mezzo.

Inoltre, il piano internazionale di Ineos per il suo Grenadier ha previsto a fine settembre l’inizio delle prenotazioni online del veicolo. L’accesso prioritario è stato fatto subito da ben 75mila persone nel mondo, mentre da metà ottobre si partirà con quelle aperte a tutti. In Italia, i prezzi indicativi dell’azienda parlano di 60.500 euro come base.