Ferrari F413: l’hypercar del futuro, che arriva dal “passato” – Foto

L’hypercar del domani è già arrivata nel 2018. Stiamo parlando della Ferrari F413, un concept ultra-futuristico.

L’hypercar rappresenta il sogno di tutti gli appassionati d’automobili. Velocissima e potentissima, permette di poter spingere a fondo l’acceleratore per arrivare a più di 350 Km/h. Se oggi la sua forma è ben riconoscibile, quella del futuro potrebbe cambiare del tutto.

ferrari f413
Ferrari F413 (pinterest.it)

Nel 2018, infatti, ecco che la Ferrari ha avuto il suo concept di hypercar del domani, attraverso la F413. Inutile dire, che non si può non rimanere affascinati dalla visione di questa immagine, la quale si potrebbe definire come celestiale.

Attenzione, però, la macchina non è stata ideata a Maranello, bensì dal designer Shane Baxley ed è un rendering. Tuttavia, la Ferrari F413 potrebbe realmente essere il futuro, con un aspetto esteriore decisamente ultra-futuristico.

Potrebbe interessarti >>> Svelata la Ferrari GT Cross, il suv che anticipa la Purosangue – Foto

Ferrari F413, caratteristiche

La Ferrari F413 assomiglia a delle auto che si potrebbero trovare in un videogioco ambientato molto in là nel futuro. Forse, però, questo domani non sarà nemmeno tanto lontano, visto che le forme delle hypercar vanno sempre più a diventare tondeggianti.

ferrari f413
Ferrari F413 (pinterest.it)

Potrebbe interessarti >>> La “variante brasiliana” della Fiat Uno: ecco come potrebbe essere la nuova – Foto

Di certo, esternamente il rendering non è completo, visto che mancano i parafanghi. Essi però sono sostituiti da un pannello che include pure i fari, tanto all’anteriore quanto al posteriore. A sbalordire, però, c’è pure l’interno.

Quest’ultimo, infatti, dà spazio al solo guidatore, senza altri passeggeri a bordo. Il volante sembra quello di un jet, e su di esso appaiono le informazioni, con le modalità di guida cambiabili in base alle condizioni esterne di asfalto e meteo. Certo, questa hypercar è sui generis ed è solo un rendering, però potrebbe realmente rappresentare il futuro che ci attende.