F1: la Williams torna coi piedi per terra, ecco cosa ci aspetta in Italia

La F1 è tornata di scena a Zandvoort, e in una gara normale con meteo normale, la Williams è tornata coi piedi per terra.

podio zandvoort
Podio di Zandvoort (Getty Images)

La F1 è tornata di scena a Zandvoort nel weekend, con la vittoria dell’idolo di casa Verstappen, dominatore di tutto il weekend. Hamilton ha provato a battagliare con l’olandese, ma la sua Mercedes era inferiore rispetto alla Red Bull, anche nella strategia di gara.

A differenza di Spa, il meteo è stato clemente e il sole ha sempre fatto capolino sopra il circuito, spazzando via le nuvole di settimana scorsa. Questo, unito a una gara normale senza bandiere gialle o rosse, ha riportato la Williams coi piedi per terra.

La scuderia inglese, infatti, in una pista dove esaltare il motore Mercedes era difficile a causa della mancanza di rettilinei oltre quello principale, non è riuscita ripetere le ultime due gare, in cui ha ottenuto molti punti.

Potrebbe interessarti >>> Anche i ricchi piangono, Kimi Räikkönen e l’asta dellla sua “vecchia” auto: l’aveva “ereditata”

Williams, cosa ci si aspetta da Monza

williams monza
George Russell (Getty Images)

La Williams si contende da inizio anno il posto di 9a macchina dello schieramento con Alfa Romeo, e dopo il podio di Russell a Spa ha lasciato indietro la scuderia con sede a Hinwil. Adesso arriva Monza e certamente sui lunghi rettilinei della Brianza il motore Mercedes potrà dare benefici agli inglesi.

Potrebbe interessarti >>> F1, a Zandvoort: l’ultima volta vinse Lauda davanti a Prost e Senna. Le previsioni 2021

I due piloti, oltre a Russell c’è Latifi, dopo una prova incolore in gara a Zandvoort, con l’inglese ritirato nel finale e il canadese giunto 16esimo, potranno certamente riscattarsi, quantomeno in qualifica. Inoltre, bisogna considerare che il format del prossimo weekend di F1 vedrà il ritorno della Sprint Race.

Per questo, i due piloti della Williams potranno avere delle chance in più per qualificarsi al meglio, in vista della gara canonica della domenica. Certo, però, per andare forte sul circuito di Monza bisogna avere anche un’ottima percorrenza di curva, così da uscire forte in trazione, e la macchina della scuderia inglese è carente in questo.