Ricaricare una Volkswagen elettrica in Italia: da oggi sarà più facile

Uno dei fattori che fin qui, in Italia, ha frenato lo sviluppo della tecnologia è la carenza di infrastrutture per la ricarica delle batterie elettriche

volkswgen motori termici
Produzione auto elettrica di Volkswagen (Getty Images)

Con il mercato dell’elettrico che è sempre in maggior e più rapida espansione, le case automobilistiche cercano di muoversi verso tale direzione. Non solo producendo auto elettriche. Oppure annunciando l’addio ai motori a combustione. Ma anche tentando di essere competitivi per quanto concerne la ricarica delle batterie.

I punti di ricarica

Auto elettriche più economiche endotermiche
Auto elettriche in ricarica (fonte foto Getty Images)

Uno dei fattori che fin qui, in Italia, ha frenato lo sviluppo della tecnologia elettrica e, quindi, a zero emissioni, è la carenza di infrastrutture per consentire la ricarica delle batterie elettriche. In parole povere, chi vorrebbe acquistare un’auto elettrica può legittimamente chiedersi: perché, se poi diventa un’impresa ricaricare la batteria?

E, allora, anche le grandi case automobilistiche, stanno, sempre di più, stipulando accordi e partnership per essere competitive sul mercato. Non fa eccezione Volkswagen. In Italia ha sottoscritto un accordo con Enel X per la fornitura di energia elettrica necessaria per il rifornimento delle vetture elettriche. Scopriamo di cosa si tratta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Italia-Turchia: Volkswagen elettrica protagonista ad inizio partita | Immagini mai viste

L’accordo Volkswagen – Enel X

Volkswagen Taigo (twitter)

La partnership è stata sottoscritta negli scorsi giorni. Il patto prevede l’installazione di circa tremila punti di ricarica dedicati alle auto elettriche. Troppo presto, ovviamente, per avere una mappa delle piccole stazioni di rifornimento che verranno installate. Ma si può già dire con una buona dose di sicurezza che le troveremo a ridosso di metropoli e centri urbani ad alta concentrazione di traffico. Anche per decongestionare la viabilità. E, ovviamente, per abbassare le emissioni. Che, soprattutto in grandi città come Milano, sappiamo essere a livelli spesso preoccupanti.

Le colonnine, comunque, non saranno ad esclusivo utilizzo delle vetture Volkswagen. Ma con questo accordo, la casa automobilistica tedesca pensa di poter incentivare e aumentare il numero di veicoli elettrici, da qui ai prossimi cinque anni. Secondo quanto affermato, in ciascuna delle tremila colonnine Enel X, sarà possibile ricaricare completamente l’auto in circa venti minuti.