MotoGP, in Austria fioccano le wild card: Pedrosa e forse anche Crutchlow

Il ritorno della MotoGP è ancora lontano, ma ad allietarci l’attesa ci sono importanti ritorni previsti per l’Austria.

crutchlow austria
Cal Crutchlow tester di Yamaha (Getty Images)

Il ritorno della MotoGP è previsto in meno di un mese, ma mancano ancora 3 settimane. Ciò è molto duro da accettare per noi appassionati, tuttavia alcune voci sul prossimo appuntamento in Austria ci allietano l’attesa.

Esse ci dicono che a livello di wild card, oltre il ritorno in gara sicuro di Pedrosa con KTM, potrebbe esserci anche quello di Cal Crutchlow con Yamaha. Entrambi sono i tester delle due case e potrebbero ben figurare, soprattutto il primo nel GP austriaco.

Infatti, lo spagnolo sa di avere una moto adatta al circuito, fatto di lunghi rettilinei e frenate ai limiti, e per questo può essere uno dei favoriti per fare bene. L’inglese di Yamaha, invece, se dovesse veramente tornare in Austria potrebbe fare male, visto che la moto della casa di Iwata non digerisce questo tipo di tracciato.

Potrebbe interessarti >>> MotoGP, Marquez in vacanza ma non troppo: ritornare al top è dura

Pedrosa e Crutchlow: la misura per vedere la fatica di Rossi

rossi ritiro
Valentino Rossi pilota Petronas (Getty Images)

Il ritorno sicuro di Pedrosa, e quello probabile di Crutchlow che ci aspettiamo di più a Silverstone o a Misano, porta in dote anche la misura della fatica di Rossi. Spiegando bene, ecco che le due wild card sono fuori dai GP da un po’, e hanno un’età più vicina a quella del dottore.

Lo spagnolo di KTM, infatti, ha detto addio alle corse nel 2018, e da allora ha fatto solo il tester. Questi sembra più indicato per dare una valutazione su Valentino. Mentre l’inglese di Yamaha ha smesso l’anno scorso, e per questo la sua gara potrebbe falsare un po’ i giudizi.

Potrebbe interessarti >>> MotoGP, Espargaro porta Aprilia in alto: Dovizioso e Vinales guardano

Quel che è certo, è che Rossi si è avvicinato terribilmente al viale del tramonto in questa stagione, nella quale continua a faticare e a non trovare risposte che gli valgano per più di un turno, complice anche una Yamaha che solo Quartararo riesce a guidare.

Il ritorno della MotoGP, dunque, è ancora lontano. L’Austria potrebbe però riportarci in dote non solo il motomondiale, ma anche Pedrosa e Crutchlow come wild card, che se facessero bene, finendo dinanzi a Rossi, potrebbero certificare il suo ritiro.