Il sistema elettrico di Mazda ha fatto 13, pur non avendo mai giocato

Mazda è tra le case automobilistiche più impegnate nel sostenere la produzione eco-sostenibile. Ed entro il 2025 ne vedremo delle belle.

Mazda 3
Il marchio Mazda (Getty Images)

Il 2025 può essere chiave. Molte case automobilistiche, infatti, hanno fissato per quell’anno il punto cruciale per grandi svolte. Soprattutto se si parla di produzione elettrica. Non fa eccezione Mazda, che proporrà entro il 2025 ben 13 nuovi modelli elettrici.

Mazda sorprende. Da sempre

Masamichi Kogai
Il CEO di Mazda, Masamichi Kogai (Getty Images)

La casa automobilistica nipponica con sede nella Prefettura di Hiroshima riesce, da sempre, a ottenere risultati ben più alti rispetto a quello che ci si aspetterebbe. E questo vale fin dal 1920, anno di fondazione dell’azienda.

Nonostante sia una compagnia relativamente piccola, Mazda ha messo in commercio nel 2007 circa 1,3 milioni di veicoli per il mercato mondiale. Nel 2011 era il diciottesimo produttore di automobili al mondo per dimensioni. Niente male per un marchio che non può certo essere ascritto alla categoria “colossi”.

E Mazda vuole continuare a sorprendere. Annuncia quindi ben 13 nuovi modelli elettrici entro il 2025. Un primo (ma importante) passo verso quello che è l’obiettivo della casa automobilistica: arrivare a zero emissioni entro il 2050.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gli incentivi statali sono finiti, ma a giugno ci pensa Mazda col “Summer Bonus”

Si parte dal 2022

Tubo di scappamento
Stop all’inquinamento (Getty Images)

Un cambio di passo fortemente voluto dal CEO di Mazda, Masamichi Kogai che, da sempre e in ogni intervento pubblico, ha sempre sostenuto la neutralità climatica, promettendo massimo impegno nel ridurre le emissioni di CO2.

L’anno in corso, in realtà, è per adesso solo destinato alla progettazione. Il vero avvio del nuovo corso, quindi, non sarà la seconda metà del 2021. Ma il 2022. I 13 nuovi veicoli potranno avvalersi della SKYACTIV Multi-Solution Scalable Architecture. Una gamma di cinque modelli ibridi, cinque modelli plug-in e tre modelli elettrici. Destinata quasi totalmente a Giappone, Europa, Stati Uniti, Cina. Ma anche al mercato del Sud Est Asiatico, che solitamente premia molto questo tipo di scelte.

Si tratta, ovviamente, anche di una scelta di tipo economico. Da tempo, Mazda ha iniziato una campagna di investimenti per promuovere lo sviluppo dei combustibili rinnovabili sulle auto. All’inizio del 2021, Mazda è anche entrata (come primo costruttore) nella eFuel Alliance, che si occupa proprio di proprio di promuovere l’uso di combustibili sostenibili per l’ambente. La realizzazione dei 13 modelli – tra ibridi ed elettrici – entro il 2025 punta proprio a non disperdere questo tipo di investimenti.