MotoGP, Morbidelli chiede moto ufficiale e Yamaha prepara le valigie

La MotoGP torna di scena al Sachsenring nel fine settimana, e non c’è solo Valentino Rossi incerto sul futuro.

morbidelli ducati
Franco Morbidelli pilota Petronas (Getty Images)

Due anni dopo l’ultima volta, si ritorna al Sachsenring, Germania, per l’ottava prova della MotoGP. Tutti gli occhi sono sulla sfida mondiale, con Quartararo che può sferrare un attacco decisivo alle Ducati che sul circuito tedesco soffrono maledettamente.

Il focus, però, è puntato anche sul mercato, e stavolta Valentino Rossi non centra. Infatti, si parla del suo attuale compagno di squadra in Petronas, Franco Morbidelli che nonostante l’anno scorso abbia vinto diverse gare e sia arrivato secondo alle spalle di Mir, non ha una moto Yamaha ufficiale.

Questa questione si sta ormai trascinando da un bel po’, e l’ultimo a riaccenderla è stato Gigi Dall’Igna, direttore generale di Ducati Corse. Questi ha infatti detto che la sua squadra non avrebbe mai trattato così male un vicecampione del mondo, e ha alimentato i possibili scenari futuri su Morbidelli.

Potrebbe interessarti >>> Non c’è 2 senza 3: fatto! Marquez può andare sereno al Sachsenring

Morbidelli, più Ducati di Yamaha

morbidelli mercato
Franco Morbidelli pilota Petronas (Getty Images)

Un possibile annuncio futuro di mercato si potrebbe nascondere dietro le parole di Dall’Igna, che potrebbe vedere Morbidelli in Ducati. Infatti, questi è un rider dell’Academy di Valentino Rossi, e ieri è arrivato l’annuncio dell’accordo del suo team in classe regina con le moto di Borgo Panigale.

Dato per scontato Luca Marini su una di quelle bike, ecco che l’altro potrebbe essere proprio Morbido, che più volte ha detto che non può lottare per il mondiale con la moto di quest’anno. Infatti, la sua è così troppo arretrata rispetto a quella di Quartararo e Vinales.

Potrebbe interessarti >>> MotoGP, la vittoria di Oliveria non è un caso: spunta un insospettabile

A questo punto, ci viene da pensare cosa sarebbe mai potuto succedere se Frankie avesse avuto una sella ufficiale, magari sarebbe potuto essere lì vicino con Quartararo leader del mondiale, e magari avrebbe vinto già almeno una gara.

Con i se e con i ma però la storia non si fa, e nemmeno il mercato. Morbidelli è vicino al suo futuro, che al momento vede più Ducati di Yamaha. Difficile ipotizzare infatti un addio di Vinales, così come un prolungamento per un altro anno di Rossi nel team che porta il suo nome.