Roma: mentre si parla del nuovo sindaco la città “sprofonda” VIDEO

Il problema delle strade italiane sembra essere sempre più un enigma irrisolvibile. Altro caso che fa storcere il naso a moltissime persone.

Strade italiane crolli
Strada urbana (Getty Images)

Le strade italiane, soprattutto quelle urbane, sono uno dei problemi più grandi che sembra destinato a rimanere irrisolto. E quanto accaduto a via Zenodossio, nel quartiere di Tor Pignattara a Roma sembra confermarlo.

Si è aperta infatti una voragine enorme che ha coinvolto in un garage sotterraneo due auto (un Suv Mercedes e una Smart). Il garage è completamente allagato e sotterrato dalle macerie, e con lui tutte le altre macchine al suo interno. Per fortuna nessuno è stato coinvolto nell’incidente.

Potrebbe interessarti>>> Benzina prodotta con acqua e aria: in Cile si potrà | Ecco come

Tuttavia, i danni provocati dal cratere, profondo circa sei metri e lungo dodici, sono evidenti. Secondo quanto comunicato dai Vigili del Fuoco, la rete idrica è rimasta danneggiata.

Non una novità per gli abitanti del posto che già in passato avevano denunciato la fragilità del sottosuolo. Sul posto è intervenuta anche la Polizia locale.

Situazione quindi veramente complicata, considerando che pure un palazzo rischia di andare in frantumi con i residenti che stanno valutando di lasciare la propria abitazione.

Crolli e voragini: a Torpignattara l’ultimo dei troppi “incidenti”

Quello di Torpignattara è stato l’ennesimo esempio di un problema che anno dopo anno continua a ripetersi in Italia. Solo nel 2021, infatti, di esempi ce ne sono stati fin troppi e sempre nel solito luogo.

A febbraio si era aperta una voragine in via di Acqua Bullicante e proprio per questo motivo la circolazione era stata interrotta per mettere nuovamente in sicurezza la strada.

In precedenza altro crollo in via Casilina. Una crepa lunga 3×2 metri apertasi in seguito ai nubifragi che in quei giorni si erano scagliati proprio con la Capitale.

Potrebbe interessarti>>> Incidenti stradali: aumento record nel 1° trimestre 2021 anche con le restrizioni

Una situazione, dunque, che nella città più rappresentativa d’Italia continua a creare situazioni spiacevoli. Senza contare danni alla viabilità e alla sicurezza dei cittadini. La cosa peggiore è che una soluzione non sembra essere stata ancora trovata.

Insomma, da Torino a Roma fino ad altre località italiane il problema delle strade sembra dover rimanere irrisolto ancora a lungo come il più complicato degni enigmi di Indiana Jones.