Ferrari, rivive il mito della 250 GT Berlinetta: tutti i dettagli del tuning

Altro giorno e altro tuning in arrivo per una Ferrari, nel dettaglio la 250 GT Berlinetta, modificata dalla RML Group.

La passione per le Ferrari continua, con un’azienda specializzata in tuning che ha modificato una macchina che ha fatto la storia, ovvero la 250 GT Berlinetta. La RML Group, questa la società che ha cambiato l’automobile, ha operato un bel lavoro di restyling.

La macchina in questione, fa parte del progetto RML Short Wheelbase, che ha cercato di unire in un’unica combinazione, lo stile classico della Berlinetta, con la contemporaneità piena delle nuove funzionalità che oggi vanno per la maggiore.

In pratica, ciò che ha fatto l’azienda di tuning con la Ferrari, è stato modificarla fino a farla ridiventare un’automobile ad alte prestazioni, così come era quando è stata prodotta e poi immessa sul mercato. Il tutto, però, mantenendo una guida che come esperienza ci restituisce un mood antico e classico.

Potrebbe interessarti >>> LaFerrari Aperta, un nome un sogno: non si può vendere una bellezza così

Ferrari 250 GT Berlinetta, caratteristiche del tuning

ferrari berlinetta
Interni della Ferrari 250 GT Berlinetta (rmlgroup.com)

Come detto, la Ferrari 250 GT Berlinetta sottoposta a tuning da parte di RML Group, presenta caratteri di un’automobile ad alte prestazioni. Partendo dal motore, infatti, ecco il V12 aspirato che scarica a terra una capacità di 485 cavalli. Il lavoro fatto sulla velocità massima, poi, è molto importante, con il raggiungimento di quasi 300 Km/h.

Passando agli interni, qui si nota lo stile contemporaneo in tutto e per tutto, vista la presenza di un nuovo sistema di infotainment. Questo, permette di azionare l’aria climatizzata, e anche di regolare i sediolini. Inoltre, c’è anche la possibilità di connettere la macchina con le applicazioni presenti sui nostri smartphone.

Potrebbe interessarti >>> Ferrari 330 GT LMB rinasce dopo 60 anni la storica di Le Mans

Anche per gli esterni c’è l’innovazione, con la fibra di carbonio usata anche per diminuire il peso della Ferrari. Ancora, ecco che l’automobile storica avrà un passo più corto, così da rassomigliare maggiormente alle vetture ad alte prestazioni moderne.

Il tuning della Ferrati 250 GT Berlinetta, dunque, ci riporta indietro di anni. La macchina appare migliorata da RML Group in tutto e per tutto, ma l’azienda britannica è riuscita anche a mantenerne immutato il fascino.