Christine Zonca: la pilota italo-spagnola fa parlare di se nel mondo del rally

Christine Giampaoli Zonca, la pilota italo-spagnola che porterà il nostro tricolore nell’Extreme E , in Arabia Saudita.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Extreme E (@extremeelive)

Christine una bellezza di 27 anni, si è fatta conoscere nel mondo del Rally, negli anni ha partecipato a diversi campionati portando a casa svariate vittorie. Una passione che nasce in età adolescenziale, quando la sua attenzione si sofferma su una Toyota Corolla  AE92 del 1989, twin cam 1.6 con 220Cv di potenza.

La sportiva Toyota apparteneva al suo vicino di casa, con il quale nel tempo instaura un’amicizia, che si consolida. Un punto di riferimento, e una collaborazione lunga nel tempo. Da quel “rombo” di 220 Cv, Christine capì che il suo futuro sarebbe stato legato alle quattro ruote.

La Zonca è sempre stata una ragazza determinata, e nonostante la famiglia non approvasse questa sua passione, intraprese il percorso delle corse. Successo dopo successo ha raccolto frutti di un lungo lavoro, diventando una delle pilote più conosciute e stimate, conosciuta oggi nel mondo del rally come la pilota “GZ”.

Potrebbe interessarti>>>La Fiat 128 protagonista del “Mongol Rally”,15 mila Km per donare un sorriso.

Dalla meccanica alle corse, una carriera di soddisfazioni

La pilota italo-spagnola si laurea in Ingegneria del Motosport, studi che utilizza per avvicinarsi al mondo dei motori. Inizia a lavorare nell’officina del suo amico e vicino di casa, acquisendo conoscenze tecniche, importanti ed utili per un pilota. Riuscì a comprare nel 2014 un telaio di una Golf che modificò, e che la portò a vincere il Campionato delle Canarie.

Christine si fa valere già qualche anno prima quando nel 2014 vince il Mondiale di Catalogna, fu solo l’inizio di una serie di vittorie tanto che nel 2008 si aggiudicò il Campionato di rally femminile spagnolo. Ottiene in seguito un ingaggio nel team americano nelle Baje 1000, gare faticose ed impegnative di duemila chilometri in fuoristrada, alla guida delle Buggy.

Potrebbe interessarti>>>Extreme E, parte il nuovo mondiale elettrico: il ritorno di una grande sfida

I successi proseguono e la “GZ”, nel 2020 con il Team Avatel Racing si classifica al settimo posto, al rally di Andalusia Road to Dakar nella categoria T2. Oggi la sua popolarità l’ha portata alla partecipazione all’‘Extreme E, il progetto di Alejandro Agag, una gara “green”, un rally diverso senza il classico “rombo”, ma con un messaggio importante, quello del rispetto per l’ambiente.

Christine, gareggerà alla guida di una Odissey 21, un 4×4 elettrico da 550 Cv, per il team Hispano-Suiza, insieme al suo compagno di squadra Oliver Bennet. Una gara che la vedrà competere contro grandi piloti, come Jenson Button ex campione di Formula 1, oppure il vincitore  della Dakar Carolos Sainz. “GZ”  ha dichiarato che affronterà questa avventura, senza timori ma con grande determinazione, il suo punto di forza.