Rischia di morire per non farsi rubare l’auto. – Il VIDEO Shock

Scene di ordinaria follia e delinquenza che arrivano dal Canada, dove un uomo ha rischiato di perdere la vita per difendere una Bmw M4 da un ladro.

furto bmw m4
Bmw M4 (Getty Images)

Le telecamere di sorveglianza hanno ripreso tutta la scena e le immagini che vedrete sono davvero forti. Sembra assurdo che si possa rischiare di morire per difendere un’auto da un furto.

Il fatto è avvenuto in Ontario, presso un rivenditore di auto, Sport Motor. Il venditore 23 enne, Moe Alkaissy, nonché fratello del titolare della concessionaria, stava facendo visionare una fantastica Bmw M4 nera ad un potenziale cliente.

Dalla descrizione fatta dal giovane, l’uomo, aveva un aspetto rassicurante, e tutto sembrava, tranne che un ladro di auto. Dopo le classiche domande riguardanti le condizioni dell’auto, il “cliente”, sembrava realmente interessato a concludere l’acquisto e portarsi a casa la sportiva tedesca, ed in effetti così è stato, se non fosse che si è dimenticato di pagarla.

A parte l’ironia, che ci permettiamo visto che alla fine non ci sono state vittime, il ladro, ha chiesto di sentire come girasse il motore dell’auto, ed il venditore, con il trasponder nella sua tasca, lo ha accontentato.

Da qui parte l’operazione “furto”, il malfattore continuando a visionare la Bmw, dice al ragazzo di dover fare una telefonata riservata e chiede il permesso di salire a bordo per non farsi sentire durante la conversazione.

Il venditore, rassicurato dai modi gentili, e dall’aspetto assolutamente onesto del cliente, e soprattutto dal fatto di avere con se le chiavi dell’auto, acconsente e per educazione attende la fine della conversione poco distante dalla vettura.

Secondo Alkaissy, quella di fare un colpo di telefono alla moglie, è una prassi abituale nei clienti “maschi” prima di acquistare un’auto, specialmente se sportiva e di grossa cilindrata, quindi, non ha dato particolarmente peso alla richiesta dell’uomo. Anzi, riteneva la “procedura standard”, ed era praticamente convinto, che a seguito dell’approvazione del familiare, avrebbe concluso il contratto di vendita.

Potrebbe interessarti>>>Furti d’ auto in netta ripresa, suv al primo posto: scopriamo le più “ambite”.

La tragedia sfiorata in meno di un minuto

Nel video, si vede il giovane venditore che passeggia con le mani in tasca, allontanandosi leggermente dalla M4 per lasciare la privacy al cliente, ed in pochi secondi, l’auto parte come un missile.

D’istinto il venditore, quasi a voler impedire col suo corpo la fuga, si getta sul cofano della Bmw, pensando che il ladro si sarebbe fermato, ma così non è stato, anzi, il guidatore disonesto ha accelerato.

E’ così iniziata una corsa su strada, con il ragazzo aggrappato sull’anteriore della Bmw ed il ladro, che senza il minimo rimorso, ha cercato di farlo cadere. Cosa che è avvenuta poco dopo, su una strada ad alto scorrimento veicolare, dove il malcapitato, è ruzzolato tra le auto in corsa.

Prontamente, si è ritirato su in piedi e qui, ha rischiato nuovamente la vita, essendo quasi investito da una berlina che sopraggiungeva a forte velocità, che con una manovra fortuita, è riuscita ad evitare il malcapitato.

Siamo sicuri che dopo questa esperienza alla concessionaria Sport Motor sarà vietato sentire accese le auto prima di averle pagate.