Il mini camper Peugeot che avrebbe potuto rivoluzionare il segmento | Forse i tempi non erano “maturi”

Il marchio Peugeot non è certo famoso per produrre camper e roulotte. Eppure, questo tentativo di crearne uno dal nulla alle porte degli anni ottanta non ci dispiace per niente, ecco com’era fatto.

In Francia il nome Peugeot resta uno dei già rilevanti nel settore dell’auto; un marchio famoso che ci ha donato negli anni tante straordinarie utilitarie come la 205, la 206 e pure qualcosa di un po’ più brioso con un paio di supercar che purtroppo non sono mai state prodotte in serie ma avrebbero sicuramente potuto fare la loro ottima figura sul mercato moderno.

Pv
L’area del veicolo deputata al campeggio (Peugeot Vintage)

Pochi fans della casa del leoncino comunque conoscono la vettura con cui Peugeot sperimentò il concetto di camper dalle dimensioni ridotte. La storia partì nel 1968, anno in cui il brand francese inserì sul mercato la nuova berlina 504. Proprio dallo scafo di questa elegante vettura a quattro posti sarebbe poi nato il progetto in questione.

Nel 1979, la casa francese presentò due veicoli completamente nuovi all’importante Motor Show di Parigi: una era la berlina 505. L’altro, un piccolo e quanto mai originale camper che prendeva parte dei suoi componenti e della sua estetica proprio dalla precedente berlina prodotta dal marchio.

Uno e nessun altro

Il Peugeot 504 Loisiris rappresenta un interessante esperimento di cimentarsi con la costruzione di un camper dalle dimensioni contenute, adatto a viaggi di media durata e a far campeggiare comodamente un paio di persone, non di più. Vagamente ispirato ad un mezzo che non ebbe poi tanto successo, la Simca Matra Rancho di cui un giorno vi parleremo in un articolo apposito, il mezzo incarnava perfettamente lo spirito degli anni 70.

FSA
Il camper in tutto il suo splendore (Peugeot Vintage)

La vettura era composta principalmente da acciaio e poliestere. Nonostante la Loisiris non sia mai stata definita ufficialmente un camper ma un “Multi Purpose Veichle”, non è difficile immaginare l’utilizzo che un ipotetico proprietario avrebbe potuto fare di tutto quello spazio sul retro. La zona posteriore infatti era decisamente spaziosa, potendo ospitare sicuramente un paio di brande, e pure ben illuminata grazie alle ampie “finestre”.

Diciamo “ipotetico proprietario” perchè purtroppo la vettura rimase allo stadio di prototipo, a differenza della Peugeot 505 che sarebbe diventata una berlina di grande successo. L’unico prototipo esistenze è stato messo all’asta nel 2014 e dovrebbe ancora essere in perfette condizioni. Nel caso voleste farvi un campeggio un po’ diverso, adesso sapete che è ancora in circolazione.

Ti potrebbe interessare anche -> Da Furgonette a…Camperette è un attimo!