Lewis Hamilton, dopo la macchina vende anche casa: dall’attico a Manhattan ha incassato una cifra mostruosa – Foto

Lewis Hamilton ha messo il suo nome in cima a quello di ogni altro pilota di Formula Uno, ma il 2021 lo ha segnato anche profondamente. In tutti i sensi, non solo sportivamente parlando.

Lewis Hamilton, nato in Inghilterra il 7 gennaio 1985, è un pilota dallo straordinario talento che corre ancora oggi per la Mercedes in Formula Uno e che ha ottenuto moltissimi successi nella massima serie automobilistica. Oltre ad essere considerato uno dei più grandi piloti di tutti i tempi, è insieme a Michael Schumacher il più vincente di sempre con ben sette titoli mondiali conquistati.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton e Max Verstappen (Web source)

Detiene inoltre alcuni primati molto speciali come quello di vittorie, podi, pole position e punti nella storia della categoria automobilistica più conosciuta al mondo. E’ anche l’unico ad aver conquistato almeno una pole position ed una gara in ogni singola stagione in cui ha partecipato al Mondiale.

Nel 2021, purtroppo, ha perso la possibilità di conquistare l’ottavo titolo all’ultima gara essendo stato beffato da Max Verstappen. Ed in seguito è sparito dai radar, soprattutto sui social. Fans ed appassionati temono che stia seriamente riflettendo sull’ipotesi ritiro dalla F1; intanto, comunque, pare che un’importante decisione personale l’abbia già presa.

Lewis Hamilton ha venduto il suo lussuoso attico: caratteristiche e prezzo

Lewis Hamilton è un campione famosissimo e pieno di tifosi in tutto il mondo. I tanti successi in F1 gli hanno permesso di acquistare notorietà e di vivere una vita piena di lussi e soddisfazioni. A partire da un attico molto costoso che, secondo il New York Post, ha deciso di vendere. L’appartamento si trova a Manhattan ed è stato venduto lo scorso novembre per ben 49,5 milioni di dollari.

L'attico venduto da Lewis Hamilton (Web source)
L’attico venduto da Lewis Hamilton (Web source)

Potrebbe interessarti>>> Formula 1, Hamilton e Verstappen fanno ancora parlare: stavolta si tratta di record

La cosa curiosa è che, pare, la casa non è mai stata occupata dal Campione inglese. Lo acquistò per poco meno di 44 milioni di dollari nel 2017 e due anni dopo lo ha rimesso sul mercato per 57 milioni per poi abbassare il prezzo fino alla cifra precisata precedentemente che ha convinto un acquirente a fiondarcisi sopra. Per quanto riguarda l’ormai ex casa di Lewis, è davvero bellissima.

Potrebbe interessarti>>> Lewis Hamilton, arriva la notizia che delude i fans: forse era troppo anche per lui

E’ disposta di un ascensore, un tetto con una vasca da immersione ed una vista stupenda del centro della città. Inoltre, all’interno della proprietà ci sono pure due posti auto. Sei le camere da letto ed altrettanti i bagni. La casa è nata dalle ceneri di una fabbrica di legatoria e dispone di ben 17 finestre, tutte restaurate.

Non manca poi un altro chilometro (avete capito bene) all’esterno che dispone di cucina all’aperto e zona pranzo. Zona pranzo presente pure dentro casa, in cui si trova anche una biblioteca costruita su misura. Come non evidenziare poi un camino a gas, bagno termale e spogliatoio. Nell’ultimo piano il suo nuovo proprietario troverà anche una camera familiare caratterizzata da un altro camino, un bagno e un angolo bar.

I piani sono tre, tutti raggiungibili anche con l’ascensore. In precedenza, questa lussuosa dimora era appartenuta pure a Justin Timberlake ed Harry Styles, sempre secondo quanto stimato dal New York Post.

L'attico venduto da Lewis Hamilton (Web source)
L’attico venduto da Lewis Hamilton (Web source)

Potrebbe interessarti>>> Mercedes va sul sicuro per la Classe S con Hamilton e Federer: “Il lusso, oltre le apparenze”

Potrebbe interessarti>>> Non è la prima volta che Lewis Hamilton si dà alle due ruote, ma così non si era mai visto prima

Ed ancora, per chi risiederà in questo fantastico attico, sarà disponibile un portiere e pure un centro fitness dotato di piscina olimpionica. Lewis Hamilton ha rinunciato a tutto questo, anche se non è rimasto di certo a mani vuote.