Quanto costano gli incidenti in Formula 1: la classifica dei piloti che hanno fatto più danni

La stagione di F1 è conclusa e adesso si fanno i conti, in tutti i sensi. Già perché c’è la classifica dei piloti che hanno fatto più danni.

La stagione di F1 è conclusa e adesso si fanno i conti, in tutti i sensi. Verstappen è diventato campione del mondo per la prima volta, battendo Hamilton e mettendo fine al suo regno. Ma ci sono tanti altri che devono analizzare la propria stagione e farsi 2 conti su.

mick schumacher danni
Mick Schumacher (lapresse)

Stiamo parlando della classifica dei piloti che hanno fatto più danni in assoluto e che sono costati di più alle loro scuderie. In testa troviamo Mick Schumacher, autore di vari botti durante il 2021, che hanno portato la cifra delle riparazioni a circa 4,2 milioni di euro.

In seconda posizione troviamo Charles Leclerc, che con circa 4 milioni segue da vicino il tedesco figlio del grande kaiser Schumi. A completare il podio troviamo il già citato campione del mondo in carica Verstappen, che sfiora i 4 milioni di danni, con i suoi 3,8 milioni di euro.

Potrebbe interessarti >>> La Scuderia Ferrari si prepara per la svolta: nel 2022 si cambia tutto

I piloti Alpine i meno costosi della griglia

In fondo a questa speciale classifica di chi ha fatto più danni in termini di denaro, troviamo i 2 piloti dell’Alpine. In 19esima posizione c’è Fernando Alonso, il quale ha provocato danni per soli 315mila euro, mentre al 20esimo c’è il suo teammate Esteban Ocon con 280mila euro.

alonso incidente
Fernando Alonso (lapresse)

Potrebbe interessarti >>> Non c’è pace per Hamilton: dopo la Formula 1 sfuma un altro titolo mondiale

Il distacco più ampio tra i costi pagati da una squadra per i botti dei proprio piloti appartiene alla Ferrari. Detto di Leclerc che è costato circa 4 milioni, Sainz è in 11esima posizione con 1milione e 756mila euro di danni, il che costruisce una forbice tra i 2 di circa 2milioni e 2oomila euro.

Nota lieta Mazepin, dal quale ci si aspettava di tutto e di più, ma che invece ha fatto molti meno danni del compagno Schumacher posizionandosi ottavo con quasi 2,5milioni di costi. In attesa del 2022, un iniezione di fiducia per il russo di Haas.