La Vespa si tinge di rosso | Presentata la nuova “Red” i cui ricavati andranno in parte per la ricerca

Vespa torna a EICMA con caratteristiche e look decisamente diversi dal normale. L’elettrico e il rosso la fanno da padrone.

EICMA ha ufficialmente aperto i battenti e già ne abbiamo viste di vari colori. Infatti, c’è stato il debutto per la Guzzi V100 Mandello, la nuova Benelli TRK 800, la novità per l’urban city da parte di Fantic Motor, ovviamente presenti pure le case giapponesi.

vespa red
Vespa Elettrica Red (press.piaggiogroup.com)

Novità importanti anche da Vespa, che per l’occasione ha ripresentato il suo scooter elettrico, ma lo ha fatto in versione Red. Questa serie speciale serve a un obiettivo più nobile, ovvero, una parte dei ricavati della vendita degli esemplari andranno ad aiutare la ricerca contro l’AIDS.

Tornando ai motori, il nome ufficiale di questo scooter è (Vespa Elettrica) Red, con questo colore che è uno sponsor importante per la casa italiana. Difatti, l’altra azienda che lo sfoggia è Apple, e questo la dice lunga sugli intenti di Vespa sulla mobilità green.

Potrebbe interessarti >>> Vespa 125 GT: chi è l’italiano che ha fatto il giro del mondo con lo storico scooter del 1968

(Vespa Elettrica) Red, caratteristiche

La (Vespa Elettrica) Red cambia sostanzialmente rispetto alla versione originale il colore. Dal grigio si passa ovviamente al rosso, mentre ci sono bordi fatti diamantati sia per la sella che per i cerchi. Spiccano anche diverse cromature in varie zone del mezzo.

vespa elettrica
Vespa Elettrica Red (press.piaggiogroup.com)

Potrebbe interessarti >>> Altro che Vespa, questo scooter è stato il primo con il “CVT” e i comandi di un’automobile

Riguardo la parte meccanica, invece, questo scooter elettrico non cambia per niente. Anzi, si mantiene quanto già visto a inizio anno e nel 2020, con nessun ritocco. Del resto, la Vespa ha dimostrato di essere già ottima così, e non necessita di cambiamenti.

In particolare, si ricorda che con la versione del 2021 ci fu un aggiornamento al software di controllo della Power Unit, che ha reso ancora più silenzioso lo scooter. Questo, ovviamente, va nella direzione presa dalla mobilità in Italia e in Europa.