Alfa Romeo 156: forse non era la 75 l’ultima “vera” auto del Biscione

La gloriosa storia nel mondo delle corse dell’Alfa Romeo è ricca di berline leggendarie. Ricordate questa qui? La sua livrea dovrebbe sicuramente ricordarvi qualcosa.

La storia della casa italiana Alfa Romeo è legata a doppio filo al mondo delle corse. Pochi lo ricorderanno ma la marca ha avuto una lunga storia nella Formula Uno non soltanto negli anni 30 e 50 ma anche tra i 70 e gli 80. Le sportive da gara Alfa più famose però restano le berline allestite per le competizioni Superturismo.

Alfa Romeo D2 (Classic Driver)

Le più famose tra queste sono senz’altro la 33 Quadrifoglio, la 75 e la 155 che raggiungeva prestazioni assurde se pensiamo che derivava da una “normale” berlina di grosse dimensioni destinata al settore delle automobili di rappresentanza.

Anche l’insospettabile Alfa Romeo 156 ha avuto il suo momento di gloria, comunque, proprio alla fine del 900. L’automobile, introdotta nel 1997 per sostituire proprio la 155, partecipò ai campionati ETCC e WTCC con discreti risultati proprio alle porte del 2000. E’ ora di dare il giusto tributo a questa vettura.

Ti potrebbe interessare anche -> In vendita un Alfa sportiva davvero unica 

L’inconfondibile livrea Selenia 

L’auto in questa foto non può non ricordare qualcosa ai lettori meno giovani. Infatti, parliamo di una vettura che con il pilota Nicola Larini si è distinta nelle competizioni a cui ha partecipato, tenendo alto il nome Alfa anche in un periodo in cui a dominare erano altri marchi.

Alfa Romeo 156 (Classic Driver)

Ti potrebbe interessare anche -> Meglio sportive che familiari: le auto “segrete” del Biscione

L’Alfa Romeo 156 D2 appositamente allestita per le competizioni Superturismo monta un motore TwinSpark da oltre 300 cavalli associato ad un cambio a sei marce. Inutile dire che le sue prestazioni su circuito e strada sono degne del prestigioso marchio che porta.

Ti potrebbe interessare anche -> La Giulia è pronta a fare follie con 700 cavalli di potenza

L’auto è attualmente in vendita online ma se volete sapere il prezzo, dovrete contattare la persona che l’ha messa in vendita che non ha stabilito una cifra sul suo annuncio. Cosa ne pensate di questo pezzo di storia?