Tutti conoscono la Citroen Picasso, quasi nessuno ha mai visto la Picasso Citroen però

Tutti conoscono Pablo Picasso, uno dei pittori più importanti del 900 grazie alle sue opere astratte frutto di una mente poliedrica. Ma conoscete la macchina che prende ispirazione dai suoi quadri?

La fantasia è il solo limite quando si parla di modifiche creative da sottoporre alla vostra automobile, specialmente quando avete per le mani un’auto versatile e dalla meccanica elementare come la Citroen 2CV, leggendaria utilitaria francese prodotta dal 1947 al 1990.

Pica sso
Quando sei in ritardo per la mostra di Picasso (Daily Mall)

Questa vettura che si è praticamente vista passare attorno decenni senza mai lasciarsi influenzare dalle mode e dalle nuove soluzioni stilistiche arrivate nel mondo dell’automobile ha scatenato la fantasia di tanti proprietari e l’abbiamo vista indossare un po’ tutte le vesti.

Dall’auto elettrica alla versione speciale che monta ancora tutti i componenti originali, passando per la Radar, una rarissima sportiva decappottabile che vale quanto una moderna Ferrari al giorno d’oggi. Una 2CV ispirata all’arte di un pittore fondamentale per il 900 però non l’avevamo mai vista.

Ti potrebbe interessare anche -> La Citroen che vale più di una supercar

Una Guernica su quattro ruote 

Non avete avuto un malore e non state assistendo ad un illusione ottica. Questa Citroen 2CV – come racconta un articolo del quotidiano britannico Daily Mall – è semplicemente finita in mano ad un appassionato di pittura. Andy Saunders, 44 anni, si è detto “annoiato” dalla Citroen Picasso prodotta dalla casa francese dal 1999.

Car 1
E’ passata attraverso un uragano? (Daily Mall)

Ti potrebbe interessare anche -> Una 2CV elettrica, viaggio dal passato al presente 

Così, ha creato la Picasso Citroen, dedicata appunto al pittore Pablo Picasso, autore di opere importantissime come “Guernica”, il dipinto che interpreta alla perfezione lo stupore inorridito dell’uomo di fronte ad un orrore come la Guerra Civile di Spagna degli anni 30.

L’auto è dipinta solo con colori primari, spiega Andy, una decisione presa dopo aver studiato i quadri dell’autore, scoprendo che Picasso preferiva proprio queste tinte. Inutile elencare le modifiche estetiche dell’auto, palesemente un omaggio allo stile inconfondibile del pittore: “Più la guardate, più è unica”, dice orgoglioso Saunders.

Ti potrebbe interessare anche -> Citroen Radar, la decappottabile meno conosciuta d’Europa

L’autore della creazione afferma di guidare regolarmente la vettura che non ha risentito per niente delle particolari modifiche. Anzi, spera di poterla un giorno vendere alla Tate Gallery di Parigi. “Tra la Citroen Picasso e la Picasso Citroen, credo di sapere quale auto avrebbe preferito Pablo”, conclude ammiccando.