Formula1, Red Bull stupita da Mercedes: bisogna ritrovare la performance

La F1 riposa dopo l’emozionante gara di Istanbul, ma Red Bull è alle prese con la ricerca di nuova velocità per lottare con Mercedes.

La F1 riposa dopo l’emozionante gara di Istanbul, e prima di buttarsi a capofitto in America. Prima Austin, poi ancora pausa e di fila Messico e Brasile. Mercedes è leggermente favorita per il Texas, mentre l’altura dovrebbe aiutare Red Bull nelle altre due sfide.

verstappen mercedes
Max Verstappen (Getty Images)

La casa anglo-austriaca, tuttavia, cerca ancora di capire come i rivali abbiano sviluppato una grande velocità e potenza sul circuito turco dell’ultima gara. Sia Bottas che Hamilton, infatti, hanno avuto un passo migliore in qualifica e in gara, e Red Bull non se lo spiega.

Addirittura, come accaduto più volte nella stagione di F1 2021, sono stati chiesi chiarimenti alla federazione, affinché spiegasse i motivi della nuova e ritrovata velocità di Mercedes. Il tutto si è chiuso con un nulla di fatto, poiché niente di anomalo è stato rilevato.

Potrebbe interessarti >>> F1, Hamilton e Verstappen fanno la storia: un mondiale dai distacchi minimi

Red Bull gira a Istanbul per ritrovare performance

Red Bull quindi ha dovuto concentrarsi su se stessa per ritrovare la performance perduta in Turchia, e per questo sulla pista di Istanbul ha effettuato un filming day. L’obiettivo è stato uno: cercare risposte alla superiorità Mercedes in termini di velocità e potenza.

Potrebbe interessarti >>> F1, il calendario per il 2021 è completato | L’attesa novità per l’anno prossimo

Alla guida della monoposto c’era Albon, l’anno prossimo nuovamente in F1 e alla guida di Williams. Il tailandese ha macinato i 100 Km previsti dal filming day e la scuderia ha trovato per fortuna una pista asciutta baciata dal sole.

Ciò ha permesso di trovare dati interessanti nella lotta a Mercedes. Inoltre, i tecnici di Red Bull hanno regolato pure le sospensioni, così da non avere problemi ad Austin, il quale asfalto presenta degli avvallamenti e delle buche, che hanno creato già grossi problemi alle MotoGP.