Michael Schumacher come Ibrahimovic: un aneddoto surreale che arriva direttamente dal passato

A tutti gli appassionati di automobilismo manca terribilmente Michael Schumacher, una vera superstar della Formula Uno. Forse, non tutti ricordano questo aneddoto su di lui.

Negli anni in cui è stata impegnata nel campionato mondiale di Formula Uno, la scuderia Ferrari è stata la dimora di tanti, indimenticabili campioni, geni delle corse che hanno portato lustro alla casa di Maranello come Niki Lauda, Clay Regazzoni, Felipe Massa e l’indimenticato Michael Schumacher.

Schumacher
Michael Schumacher ai tempi della Formula Uno (Wikipedia)

Il pilota tedesco, considerato uno dei migliori di sempre, è anche uno dei più titolati, avendo portato a casa sette titoli mondiali: due con la scuderia Benetton e cinque consecutivi con la Ferrari, ottenuti tutti quanti nel corso di un dominio incontrastato nei primi anni 2000.

Leggendaria resta anche la sua uscita di scena: durante la sua ultima gara nel 2006, il pilota tedesco sfiorò il miracolo con un’epica rimonta partita dalle retrovie della griglia di partenza. Dopo il suo ritiro, Schumi tornò varie volte alle corse ma mai alla grandezza di un tempo.

Purtroppo, durante una vacanza in montagna nel 2013, il pilota rimase vittima di un grave incidente con gli sci: da allora è in coma – o almeno così si presume dato il riserbo sulle sue condizioni di salute – e nessuno ha più saputo nulla riguardo la sua riabilitazione dall’incidente.

Per omaggiare il campione, vogliamo ricordare una simpatica storia che lo vide come protagonista nel 2010 quando si era ormai ritirato dall’attività sportiva.

Ti potrebbe interessare anche -> Alex Zanardi, ci sono notizie importanti 

Schumacher non arriva in ritardo per il traffico

Era il 4 gennaio 2010 quando Tuncer Yilmaz, tassista svizzero, si vide salire in auto proprio Michael Schumacher. Incredulo per la fortuna di avere a bordo un pilota leggendario, Yilmaz ha iniziato ad accompagnare Schumacher in giro per la città.

CAB
Un taxi svizzero (Local.Ch)

Ti potrebbe interessare anche -> Michael Schumacher: aspettavamo questa notizia 

Purtroppo, il traffico ha presto portato il campione di F1 ad essere in ritardo per i suoi impegni lavorativi che all’epoca riguardavano la consulenza tecnica per la Ferrari. E’ stato a quel punto che Schumi ha chiesto al tassista di potersi mettere alla guida della vettura per recuperare il tempo perduto.

Yilmaz, eccitatissimo per l’avventura, ha raccontato ai cronisti di essersi divertito moltissimo nel vedere il pilota effettuare un sorpasso dopo l’altro a bordo del taxi, coprendo rapidamente i 30 chilometri che lo separavano dall’aeroporto dove avrebbe preso un volo per raggiungere la sede della Ferrari.

Ti potrebbe interessare anche -> La prima auto mai posseduta dal campione di F1

Il campione ringraziò il tassista per la cortesia lasciando una cospicua mancia di 40 Euro. Niente male per un giro in macchina!