Alfa Romeo Visconti, potenza da supercar e design a stelle e strisce – Foto

Tra le varie auto mai nate, ce n’è una di Alfa Romeo che spicca per il design futuristico. Ecco Alfa Romeo Italdesign Visconti.

Nel corso degli anni sono stati tanti i concept realizzati, ma mai messi in produzione dalle case automobilistiche, per un motivo o per un altro. C’è ad esempio il caso di Mercedes-Benz F100, e di tante altre macchine.

alfa romeo giugiaro
Alfa Romeo Italdesign Visconti (italdesign.it)

Tra di esse, però, spicca anche una concept car di Alfa Romeo, che si fa notare per il suo design nettamente futuristico. Stiamo parlando dell’Alfa Romeo Italdesign Visconti, mostrata al mondo al salone di Ginevra nel 2004.

Il suo aspetto lo si deve difatti a Giugiaro, con il supporto del biscione. Il progetto era alquanto ardito all’epoca, visto che univa nelle forme una berlina con una coupé, e nelle intenzioni del celebre designer andava ad anticipare le future mode dell’automobile. Possiamo dire che ci ha preso in pieno.

Potrebbe interessarti >>> Avete mai visto la Rolls Royce cinese? Da fuori è identica all’originale – Video

Alfa Romeo Italdesign Visconti, caratteristiche

Alfa Romeo Italdesign Visconti, così chiamata per rendere onore alle origine del marchio di Arese e al suo stemma che è tipico non solo del biscione ma anche della storica famiglia milanese, possiamo dire che al posteriore ci sembra una vera e propria Mercede EQS.

alfa romeo visconti
Alfa Romeo Italdesign Visconti (italdesign.it)

Potrebbe interessarti >>> L’auto più lenta del mondo, diventa un “missile” grazie al motore Fiat Turbo 20V – VIDEO

Si proprio una delle ultime arrivate sul mercato, ovvero quella Mercedes tutta elettrica che si sta ritagliando la sua parte di mercato. Inoltre, poi, il concept di Giugiaro ha pure anticipato lo stile della coupé con il portellone al posteriore, o con il frontale più basso.

L’Alfa Romeo Italdesign Visconti, quindi, ha anticipato il futuro, anche se il concept è stato costruito sul cosiddetto Pianale Premium, ovvero la piattaforma creata da Fiat e GM. Il motore, infine, era un 3.2 proprio dell’azienda americana, e nonostante la cilindrata ridotta era in grado di sfruttare il doppio turbocompressore per scaricare una potenza di ben 405 cavalli.