MotoGP, Dovizioso prepara il ritorno a Misano: la moto è “scadente” ma il “manico” c’è

Mancano due settimane al weekend di Misano, ma già sappiamo che sarà incredibile. Ciò grazie anche al ritorno di Dovizioso.

La MotoGP riposa questo weekend ma è pronta a tornare nel prossimo con Aragon. Eccezionalmente, il GP spagnolo arriverà prima di Misano, che andrà a chiudere il back-to-back del motomondiale. Nonostante manchino ancora due settimane, l’atmosfera è già incredibile per il circuito romagnolo.

L’attesa è aumentata anche dal ritorno di Andrea Dovizioso, che ha firmato con Yamaha e entrerà a far parte del team satellite, attualmente Petronas che poi lascerà a fine stagione. Il suo compagno sarà Valentino Rossi, mentre Morbidelli andrà nel team ufficiale, al posto di quel Vinales che già a Aragon tornerà in pista ma con Aprilia.

Dovi dovrà certamente adattarsi alla nuova moto, che non prende in mano da anni ormai. Infatti, il forlivese era già stato nel team Yamaha Tech 3 anni fa, prima del suo approdo in Ducati ufficiale. Tuttavia, per stare dietro ai piloti della griglia dovrà darsi subito una mossa.

Potrebbe interessarti >>> Il caso del papà di Dennis Foggia “cacciato” dai box in Moto3: Leopard prende le distanze

Dovizioso, l’ultimo avversario di Marquez

dovizioso yamaha
Andrea Dovizioso (Getty Images)

Dovizioso sa che non avrà una moto per poter lottare per le prime posizioni, e quasi sicuramente dovrà vedersela ogni volta in Q1 per poter passare al Q2. Ma bisogna comunque considerare che la sua Yamaha è vecchia e risale al 2019, con solo qualche evoluzione.

Potrebbe interessarti >>> Non solo Valentino Rossi, anche qualcun’altra pensa alle 4 ruote | Ecco chi è

Certo, questo farà rimpiangere a Dovi i vecchi tempi, nei quali con la sua Ducati ufficiale battagliava con Marquez. Anzi, guardando ai campionati del 2017 e del 2018, si può dire che lui sia stato l’ultimo avversario del cannibale spagnolo.

Già nel 2019, purtroppo, nonostante l’iniziale vittoria in Qatar, Dovizioso non aveva più una moto in grado di farlo lottare per il titolo. Da allora in poi, il declino di Ducati, che quest’anno non è migliorata parecchio, conquistando si 3 vittorie, ma solo una di esse in condizioni di gara normale.