Dall’Italia a Capo Nord con un mezzo davvero speciale: un’impresa folle

Un altro team è riuscito a vincere la sfida di giungere a Capo Nord in Norvegia partendo dal Veneto. Si tratta di Mirco e Alice.

La sfida per giungere il punto più a nord d’Europa, Capo Nord, affascina sempre tanti appassionati. Dalle due ruote alle quattro, motorizzati e non, in tanti vorrebbero riuscire a intraprendere questa impresa per vincerla. Gli ultimi a portarla a compimento sono stati Mirco e Alice.

A bordo delle loro moto, i due sono partiti da Montecchio Maggiore in provincia di Vicenza il 23/07/2021, e 19 giorni dopo, il 10 agosto sono arrivati in Norvegia. I loro mezzi non sono proprio i migliori per partire, ma ce l’hanno fatto comunque.

Parliamo del mitico Ciao della Piaggio, che Mirco e Alice sono riusciti a portare fino a Capo Nord. Un’impresa nell’impresa, si può dire, visto che questi veicoli non sono proprio adattissimi a lunghi e estenuanti viaggi.

capo nord mirco targon
Mirco e Alice con i Ciao a Capo Nord (instagram)

Potrebbe interessarti >>> Andrea Scanzi non si accontenta mai: ogni volta va con una diversa – FOTO

Raid a Capo Nord, la storia

mirco targon capo nord
Spedizione in viaggio verso Capo Nord (instagram)

Come detto Capo Nord è il punto più a nord di tutta Europa e si trova in Norvegia. La storia vuole che il viaggio verso questa località sia stato fatto per la prima volta da Naco Guzzi, fratello del più famoso Carlo che diede vita alle moto Guzzi.

Potrebbe interessarti >>> Wanna Marchi e Stefania Nobile di nuovo insieme: ecco che fine hanno fatto dopo la galera

Giuseppe Naco Guzzi inforcò la Moto Guzzi GT 500 Norge del 1929 e si fece un bel viaggio proprio fino a Capo Nord, sia per sperimentare questo mezzo, sia per fuggire al caldo estivo. La notizia ebbe un grande seguito sui giornali non solo italiani ma di tutta Europa, tanto da attirare moltissime persone.

Da allora in avanti, in migliaia nel corso dei decenni hanno provato questa impresa di raggiungere Capo Nord. Alcuni ci sono riusciti, altri hanno fallito, ma anche questi ultimi di sicuro avranno vissuto delle esperienze di viaggio indimenticabili.