Jeff Bezos l’uomo più ricco del mondo, nello spazio con la Honda del 1997

Jeff Bezos ha raggiunto lo spazio qualche giorno fa, ma per giungere al luogo dello storico lancio, forse ci è arrivato con un veicolo davvero “spaziale”.

Jeff Bezos è uno degli uomini più ricchi e importanti del pianeta. Grazie al suo colosso, Amazon, è riuscito a creare un enorme impero da miliardi di dollari, che gli consente di spaziare in qualsivoglia settore desideri, l’ultimo è stato quello spaziale.

Infatti, la sua capsula spaziale, la New Shepard, è stata lanciata con successo domenica 20 luglio, in occasione pure dei 51 anni dall’arrivo del primo uomo sulla Luna. L’equipaggio non ha avuto nessuna sorta di problema, e sono tutti tornati sani e salvi sulla terra.

Tutti, compreso lo stesso Bezos, che certamente continuerà a innovare e rivoluzionare il mondo dei trasporti, visto che questa missione aiuterà anche il volo relativo agli aerei. Più che altro, bisogna capire se sul luogo del lancio, il magnate americano ci sia arrivato con la sua Honda.

Potrebbe interessarti >>> Sua “altezza” Nuova Fiat Tipo Cross | Caratteristiche, prezzo e promozioni

L’Honda storica di Bezos

Jeff Bezos non ha mai sfoggiato una super auto per andare in giro, anzi, per anni ha mantenuto in vita la sua Honda Accord del 1997. Stiamo parlando di una semplice vettura, per niente sfarzosa e molto adatta a muoversi senza dare nell’occhio.

Inoltre, lo stesso imprenditore fondatore di Amazon, ha detto che questa automobile è quella perfetta, in quanto dopo tanti anni è ancora in buone condizioni, riuscendo a far funzionare tutto il suo apparato di sistemi senza alcun problema.

Potrebbe interessarti >>> Flora Canto fa “impazzire” Enrico Brignano: “il nero… va su tutto…”

In generale la Honda Accord è una macchina abbastanza normale, che può contare su un motore che può scaricare a terra 200 cavalli di potenza. Interni ed esterni sono del tutto normali, nulla che nessuno di noi normali non abbia già visto.

Bezos, dunque, pensa allo spazio ma lo fa con i piedi in una Honda. Chissà se quando un giorno deciderà di cambiare la sua Accord del 1997, potrebbe scegliere la sua naturale erede, ovvero la Acura che però non passa inosservata.