Quando Raffaella Carrà faceva “viaggiare” gli italiani: una delle sue “copertine” più belle – Foto

La morte di Raffaella Carrà ha inevitabilmente scosso tutto il mondo, non soltanto l’Italia. Lei che ha lasciato il segno anche tra le auto.

Raffaella Carrà Mini 1001
Raffaella Carrà (Getty Images)

Il mondo è stato scosso. No, non stiamo parlando di una qualsiasi catastrofe naturale, ma bensì della morte di Raffaella Carrà. Una perdita incolmabile.

Potrebbe interessarti>>> Avete mai visto il minivan Porsche? Le foto del progetto ambizioso | Scopriamolo

Lo è per noi italiani in primis, ma anche per tutte le persone che nel mondo hanno amato un’artista di altissimo livello e, cosa più importante che non deve mai mancare, una persona veramente meravigliosa portata via da una brutta, cinica e imbattibile malattia.

Proprio per questo, per un addio così violento e amaro, tutto il mondo ha deciso di ricordarla, così come noi di Quattromania: in maniera genuina.

Raffaella Carrà: chi era l’artista che ha rivoluzionato un’epoca

Raffaella Carrà con la Mini
Raffaella Carrà con la Mini 1001 (Quattroruote)

Più di un personaggio pubblico. Raffaella Carrà, nata a Bologna il 18 giugno 1943, è stata di tutto e di più per l’intero globo. Da showgirl a cantante, da ballerina ad attrice fino a conduttrice televisiva.

Ed è stata tutto questo dagli anni ’60 fino agli ultimi anni della sua vita. Non a caso è stata definita dai più la “Regina della televisione italiana”, e in effetti ha rappresentato all’estero il nostro paese più di chiunque altro.

Soprattutto in Spagna. Lei stessa, ai microfoni di ‘Tv Sorrisi e Canzoni’, ha dichiarato di aver venduto ben 60 milioni di dischi; numeri davvero da star mondiale.

Potrebbe interessarti>>> Swincar e-Spider: la mini jeep elettrica che non riesce ad arrivare in Italia

Il quotidiano britannico, “The Guardian”, l’ha definita così: ‘sex simbol europea, l’icona culturale che ha insegnato all’Europa le gioie del sesso.

Ad ogni modo, la sua carriera cinematografica inizia negli anni ’50 quando è solamente una bambina dove partecipa a ben quattro film. Negli anni ’60 prende parte ad altri due film.

Tuttavia, a livello cinematografico non riesce ad ottenere grandi risultati e così passa presto alla televisione diventando presentatrice, soubrette e cantante. In mezzo a questo “nuovo inizio”, pubblica anche vari album e tante canzoni che la renderanno celebre dappertutto.

Potrebbe interessarti>>> La decisione è arrivata: addio cara e vecchia Mini, si cambia direzione.

Basti pensare al “Tuca Tuca” che fece discutere moltissimo in Italia ma che, senza ombra di dubbio, ha dato il via ad una svolta al femminile (e non solo) davvero unica e inimmaginabile.

Come dimenticare, poi, “A far l’amore comincia tu” che in Inghilterra raggiunse addirittura la top 10 dei brani più venduti. Una carriera straordinaria la sua che termina così, lasciando un ricordo indelebile di una donna e un’artista indimenticabile.

Perché il talento è spesso facile da sfruttare, ma essere ricordati, no. Quella è decisamente un’altra cosa.

Raffaella Carrà e la Mini: quando l’artista posò su Quattroruote, le caratteristiche dell’auto

Abbiamo parlato di Raffaella Carrà, che purtroppo se n’è andata nella giornata di ieri. La nota showgirl, e forse in molti appassionati di automobili non lo sanno, ha posato accanto ad una bellissima Mini Innocenti molti anni fa.

Entrando nel dettaglio, dopo i modelli 1000 e 1300 cc arrivò la lussuosa Mini 1001. Basata sulla meccanica della Mini 1000, riusciva a raggiungere i 145 km/h. In quest’auto è migliorata l’estetica, ma anche e soprattutto gli interni.

Potrebbe interessarti>>> Fiat Panda 4×4, il primo mini suv della storia

Basti pensare ai sedili, il lunotto termico, l’accendisigari, pure il volante e il cambio (il pomello è in legno). La guida era ottima, considerando che stiamo parlando di una vettura degli anni ’70.

Il suo prezzo? In precedenza era acquistabile ad 1.150.000 lire. Oggi il suo valore è aumentato vistosamente tanto che può toccare addirittura gli oltre 40.000 euro. Un vero e proprio gioiello per i collezionisti.