F1, al Paul Ricard la battaglia si fa dura: Ferrari contro tutti

Il venerdì delle libere di F1 in Francia, ci ha regalato una bella lotta per le posizioni alle spalle di Red Bull e Mercedes.

leclerc alonso
Leclerc e Alonso nelle libere al Paul Ricard (Getty Images)

Il Paul Ricard avrebbe dovuto annullare il livellamento di Monaco e Baku, e così è stato. Nel venerdì di libere della F1 in Francia, infatti, la Mercedes è tornata davanti a lottare con Red Bull. Alla fine, è stato Verstappen a prendersi la prima posizione, mentre Bottas si è messo a 8 millesimi e Hamilton in terza posizione.

Dietro di loro, però, possono partire le scommesse per trovare la terza scuderia più prestazionale. Al momento, il posto è occupato dalla Alpine con Fernando Alonso, in grande spolvero sulla pista di casa della sua scuderia.

Dietro di lui, però, spunta la Ferrari, con Leclerc autore di un buon giro di qualifica, ma più sofferente sul passo gara, a differenza del team francese. Sainz invece è ottavo, separato dal teammate dai due piloti di casa, Ocon e Gasly. Il primo, quindi, conferma la bontà dell’Alpine sul circuito del Paul Ricard.

Potrebbe interessarti >>> F1, Alpine per il 2022 regala la miglior “accoppiata” in griglia di partenza

F1, spuntano anche Alfa e McLaren al Paul Ricard

norris raikkonen
Norris e Raikkonen al GP di Ungheria 2019 (Getty Images)

Nel venerdì delle libere di F1 al Paul Ricard spunta anche l’Alfa Romeo. Kimi Raikkonen, infatti, è riuscito a prendersi la nona posizione, e magari per domani può sperare di agguantare la Q3. La buona prestazione della monoposto italo-svizzera, è confermata anche dall’11esimo posto di Giovinazzi.

Solo decima la McLaren, con Lando Norris apparso poco a suo agio in Francia. Certo è solo venerdì, e l’inglese dà il meglio di se in qualifica e poi in gara, ma vederlo così indietro è strano dopo l’ottimo inizio di stagione.

Potrebbe interessarti >>> Non c’è due senza tre? Alfa Romeo inarrestabile, obbiettivo Francia

Molto male l’Aston Martin, con Vettel e Stroll che sono rispettivamente solo in 15esima e 16esima posizione. Un tonfo del genere di prestazione non ce lo aspettavamo, certo replicare il podio di Baku è impossibile in Francia, ma cercare di lottare per entrare in Q3 deve essere alla portata.

Il ritorno due anni dopo dall’ultima volta della F1 al Paul Ricard, dunque, ci ha ridato una situazione di normalità dei valori in campo. Mercedes è tornata su, ma se la deve vedere sempre con Verstappen e la sua Red Bull, mentre dietro di loro ci sono 3 scuderie, se non 4, in lotta per la quarta e quinta posizione.