Ironia o polemica? Quel gesto di Vettel rimasto nella storia per colpa di Pirro

L’accanimento della sfortuna nei confronti di Vettel alla guida della Ferrai, è cosa nota. Ma 2 anni fa fecero tutto i commissari.

vettel canada 2019
Partenza del GP del Canada 2019 (Getty Images)

9 giugno 2019, in Canada la F1 corre il settimo appuntamento del calendario. La sfida è tutta in casa Mercedes tra Hamilton e Bottas per il mondiale, visto che ne Ferrari ne Red Bull sono riuscite a fare una buona macchina per competere.

Tuttavia, in pole scatta proprio la rossa con Sebastian Vettel, reduce da un inizio di campionato non proprio perfetto, ma che con la prima posizione a Montreal prova a riscattarsi. Secondo il rivale Hamilton, il quale a fine anno conquisterà il sesto titolo mondiale.

Terzo con l’altra Ferrari, Leclerc, oggi prima guida, ma che allora doveva ancora migliorare sotto diversi punti di vista, soprattutto la qualifica dove oggi è uno dei migliori. Complice un errore nell’ultimo tentativo, infatti, non riuscì a prendersi la seconda posizione.

Potrebbe interessarti >>> Daimler shock: “i negozi fisici non servono più, ormai si compra sul web”

Pirro e i commissari tolsero la vittoria a Vettel

emanuele pirro canada
Emanuele Pirro uno dei commissari di Montreal 2019 (Getty Images)

Quando parliamo di Pirro ci riferiamo ovviamente al pilota, di nome Emanuele, che il 9 giugno 2019 in Canada presiedeva la commissione dei commissari di gara. Fu lui insieme agli altri giudici a decretare la penalizzazione che poi è costata la vittoria a Vettel.

Il tedesco della Ferrari, infatti, al giro 48 taglia la curva 4 e rientra in pista stringendo senza volerlo Hamilton contro le barriere. Tuttavia, questa manovra non poteva essere fatta in modo diverso essendo Montreal un circuito cittadino.

Potrebbe interessarti >>> Vi siete mai chiesti quanto costa un incidente in F1? Le cifre sono da brivido

I commissari, però, con in testa Emanuele Pirro, diedero 5 secondi di penalità a Vettel, il quale non riuscì a guadagnarne di più sull’inglese della Mercedes, che vinse la gara. Epico, ciò che fece nel parco chiuso il ferrarista.

vettel canada 2019
Sebastian Vettel mentre sposta i cartelloni nel giusto ordine (Getty Images)

Prima di salire sul podio infatti prese il cartellone col numero 1 posizionato dinanzi alla freccia d’argento, e lo mise davanti alla postazione vuota della sua monoposto, che non aveva portato sotto il podio.

Inutile dire, che fu una vera e propria idiozia da parte dei commissari penalizzare Vettel, il quale vincerà un’altra gara nel 2019 a Singapore, arrivando a 53. Tuttavia, ci piace pensare che siano 54 i GP vinti dal tedesco, perché in Canada ha vinto lui.