Alfa Romeo rinasce con due nuovi suv: Tonale e Palade. Scopriamoli

Alfa Romeo Tonale e Palade rivoluzioneranno il marchio italiano. Andiamo a scoprire perché sono così speciali per il rilancio.

alfa romeo palade
Rendering di Carscoops dell’Alfa Romeo Palade (twitter)

Alfa Romeo si prepara a un 2022 di nuovi modelli per rilanciare il proprio marchio. In particolare, l’azienda italiana, di proprietà di Stellantis, ha deciso di rivoluzionare la propria gamma spingendo sui SUV e sull’elettrico, anche combinati insieme.

Infatti, arriveranno l’anno prossimo prima Tonale e poi Palade, ovvero i primi esemplari elettrificati di Alfa. Questo, dovrebbe aiutare a risollevare le sorti di un’azienda colpita dalla crisi dovuta al Covid-19, ma che già prima faticava.

Del resto, l’arrivo di nuovi modelli sul mercato spinge il marchio, e se questi latitano e faticano ad arrivare come nel caso del Biscione, ecco che la gente si dimentica di te, sia in Italia, sia in Europa. Adesso, però, pare essere arrivato il momento di ripartire.

Potrebbe interessarti >>> Alfa Romeo, non solo F1. Torna a dominare tutto il motorsport

Alfa Romeo Tonale e Palade, caratteristiche conosciute

L’arrivo di Alfa Romeo Tonale e Palade nel 2022 cambierà per sempre il marchio italiano. Da questi due modelli dipendono tante cose, compreso il futuro stesso dell’azienda all’interno dei piani di Stellantis. Partendo da Tonale, la vettura si sa già che appartiene al segmento C, cioè quello di un veicolo compact SUV.

Verso marzo dovrebbe esserci la presentazione e l’inizio della produzione, con l’arrivo definitivo sul mercato a giugno, ovviamente parliamo del 2022. Ciò che però è molto importante, è che Tonale sarà decisivo per alcuni impianti produttivi del paese, che senza la sua produzione potrebbero andare in malora.

Potrebbe interessarti >>> Una vecchia Alfa Romeo del 1996 che oggi vale un patrimonio

Passando a Palade, ammesso che questo sia il nome giusto, visto che al momento non è ancora stato ufficializzato, questo SUV monterà la piattaforma CMP di Peugeot, che raggruppa il pianale, il motore, le sospensioni e l’elettronica.

Come propulsore, poi, si parla soprattutto di un PureTech, che con varie versioni varierà nella potenza tra i 100 e i 150 cavalli. Chiaramente, i modelli saranno sia tradizionali che elettrici, e per quanto riguarda questi ultimi, dovrebbe esserci un’autonomia di circa 300 Km.

Alfa Romeo, dunque, è pronta ad andare incontro al proprio futuro con una rivoluzione di tutta la sua gamma. La spinta sui SUV e sull’elettrico, che sarà garantita da Tonale e Palade, sarà la prova del nove per tutto il marchio, che se non avrà successo, rischia di chiudere i battenti.