Niki Lauda “risorge dalle ceneri”: la macchina fatta per lui

Niki Lauda sono già due anni che ci ha lasciato, e ha lasciato soprattutto il mondo della F1, in cui c’è un avanti Lauda e un dopo Lauda.

niki lauda
T.50s (gordonmurrayautomotive.com)

Due anni fa esatti ci lasciò il grande Niki Lauda, uno dei piloti più forti della storia dell’automobilismo, distintosi soprattutto in F1. Celebri le sue imprese, così come il suo incidente al Nurburgring del 1976, dove arrivò ad un passo dalla morte, prima di riprendersi in tempo record e giocarsi ancora quel mondiale poi vinto da Hunt.

L’influsso del pilota austriaco sugli appassionati e sulle persone appartenenti al motorsport, era enorme quando era in vita, figuriamoci adesso. A proposito di questo, proprio noi di quattromania vi avevamo parlato a marzo della hypercar a metà tra F1 e strada, progettata dall’ex ingegnere McLaren Gordon Murray.

Ecco da diverso tempo sappiamo che la prima macchina della sua azienda, ovvero la T50s, accanto a questa sigla porta il nome proprio di Niki Lauda. Un omaggio puro da pista, visto che si tratta della versione da corsa più prestazionale rispetto a quella stradale.

Potrebbe interessarti >>> Una Bugatti così non si era mai vista: il tocco della moda sull’hypercar

T50s Niki Lauda, caratteristiche

t50s niki lauda
Interni della T50s Niki Lauda (gordonmurrayautomotive.com)

Come detto, la T50s Niki Lauda è più prestazionale rispetto alla versione stradale, e ci mancherebbe altro. Partendo dal pezzo forte, cioè dal motore, è un V12 aspirato che può scaricare a terra una potenza da 735 cavalli, con il peso incredibilmente sotto i 1000 chilogrammi.

Per gli esterni, la vettura si ispira sempre alla F1, con una forma a freccia tipica della Brabham BT52 alla cui progettazione partecipò anche Gordon Murray. Inoltre, proseguendo su questa strada, ecco che il volante così come il sedile del guidatore è centrale.

Potrebbe interessarti >>> Viritech Apricale a idrogeno | Le hypercar elettriche: “Mute”

Gli esemplari in produzione, infine, saranno 25, cioè quante sono le vittorie ottenute dalle monoposto fatte da Murray. Ciò che però veramente traspare dalla T50s, è che lo spirito di Niki Lauda è ancora lì, vivo più che mai.

Dopo due anni dalla sua morte, dunque, l’ispirazione che emanava non si è esaurita, e probabilmente non lo farà mai. La T50s Niki Lauda è una super hypercar, una macchina da corsa, così come sarebbe piaciuta al campionissimo austriaco.