Un’Alfa Romeo fuori dal mercato | Apparteneva ai Carabinieri

Auto: una vettura dell’Alfa Romeo spesso accostata alle forze dell’ordine, dalla Guardia di Finanza ai Carabinieri, non è più in vendita

Alfa Romeo Giulietta Carabinieri
Alfa Romeo Giulietta (dpromo.alfaromeo.it)

L’Alfa Romeo è una delle aziende più importanti del gruppo Stellantis sia dal punto di vista delle vendite che sportivo, come ampiamente dimostrato con il suo impegno in F1 e non solo.

La casa automobilistica del Biscione ha costruito, nei tanti anni di attività, modelli meravigliosi uno dopo l’altro. Una delle sue creature migliori, o comunque molto apprezzata dai clienti, è la Giulietta.

Questo veicolo, dopo 11 anni, non sarà però più venduto. Tale decisione sembra essere stata intrapresa lo scorso anno. Ciò significa che le uniche vetture rimaste in commercio del costruttore italiano sono la Giulia e la Stelvio.

Potrebbe interessarti>>> Guadagnare 80.000 euro con una Alfa Romeo Giulia: ecco come

Il motivo è stato spiegato nel 2020 quando Fabio Migliavacca, capo marketing di Alfa, ha affermato che la tendenza futura sul mercato sarebbe stata quella di sostituire proprio la Giulietta con il SUV Tonale.

Migliavacca per l’occasione spiegò anche che la guidabilità tipica di queste vetture italiane non avrebbe subito cambiamenti negativi. La Giulietta fece il suo debutto al Salone di Ginevra nel 2010.

Nonostante la sua fama, sembrava essere arrivata ormai al capolinea dal punto di vista del mercato dell’Automotive: solo 10.817 unità vendute nel 2020. Cifra bassa se comparata a quella del 2018 (26.632). Il programma di chiudere le vendite, quindi, era solo una più che lecita questione di tempo.

Potrebbe interessarti>>> Alfa Romeo, Giulia vola in Europa: i motivi del successo

Anche a causa dei ritardi subiti dalla pandemia, è rimasta sul mercato ben oltre il 2020. Ad ogni modo, chiuso il capitolo Giulietta, Alfa Romeo è pronta a lavorare su nuovi progetti.

Tuttavia, per quasi un anno non ci saranno nuove produzioni da offrire al pubblico. La produzione della Tonale è stata infatti ritardata fino al 2022 perché il nuovo CEO Jean-Philippe Imparato ha richiesto prestazioni migliori dalle varianti ibride plug-in.

Il Tonale, comunque, sarà il primo passo verso il futuro dell’azienda. Secondo alcune indiscrezioni, dovrebbe utilizzare un assetto simile alla prossima Jeep Compass PHEV con un’autonomia, prevalentemente elettrica, di 50 chilometri.

Alfa Romeo Giulietta: la più usata dai Carabinieri

Alfa Romeo Giulietta Carabinieri
Interni Alfa Romeo Giulietta (dpromo.alfaromeo.it)

Come detto, l’Alfa Romeo Giulietta è stata presentata al Salone di Ginevra del 2010. E fin dal suo debutto sul mercato, è stata usata tantissimo dalle forze dell’ordine italiane.

La prima di queste a farne uso è stata la Guardia di Finanza che l’ha assegnata alle compagnie e ai comandi provinciali. Questa macchina, con una potenza di 150 Cv, tocca i 210 km/h e ha uno scatto di 100 km/h in meno di 9 secondi.

Potrebbe interessarti>>> Auto dei Carabinieri centrata dai fuggitivi: il video dell’incidente diventa virale

Nel dicembre 2016 anche la Polizia di Stato introdusse la Giulietta, pur se una versione meno potente della precedente (1.6 JTDm da 120 Cv). Questa venne affidata ai Reparti Prevenzione Crimine e ai commissariati.

In seguito anche all’Arma dei Carabinieri, alle Compagnie di Intervento Operativo e alle Pattuglie mobili di zona. Nell’estate del 2017 sono state donate anche alla Polizia Stradale.

A partire dal 2018, invece, la Polizia ha introdotto la Giulietta 2.0 JTDm da 150 Cv assegnandola alle Squadre Volanti delle Questure. I Carabinieri diedero invece tale versione ai nuclei operativi radiomobili. Un binomio certamente famoso ma che è destinato a rimanere soltanto un piacevole ricordo.