Le Tesla come gli iPhone? Ecco la rivoluzione dell’azienda di Elon Musk

Obiettivo economia circolare per Tesla: l’azienda di Elon Musk sta per lanciare sul mercato modelli destinati a stravolgere il mercato dell’auto.

Tesla ricondizionate
Modello Tesla (fonte foto Getty Images)

In un mondo in cui l’economia circolare è il target principale di tutte le principali aziende, Elon Musk e la sua Tesla non potevano certo restare indietro. L’imprenditore americano, sempre proiettato verso il futuro, ha scelto di lanciare sul mercato dei nuovi modelli di automobili davvero unici nel loro genere, ricalcando l’esempio di altre grandi aziende come Apple e HP. Una notizia che potrebbe rivoluzionare l’intero mercato dei motori. Ma cosa avrà pensato stavolta il Ceo di SpaceX?

Elon Musk stringe un accordo per motori Tesla riciclati

Elon Musk, ceo Tesla
Elon Musk (fonte foto Getty Images)

Combattere gli sprechi per salvaguardare il nostro ambiente è un obiettivo comune a molte delle principali aziende al mondo, comprese quelle più importanti nel mercato delle automobili. E Tesla non poteva essere da meno. Per raggiungere questo obiettivo, Elon Musk ha raggiunto un accordo per un progetto in grado di ridar vita a vecchie componenti delle sue ipertecnologiche auto. Dopo aver aperto la Redwood Materials in Nevada, stavolta ha progettato una vera e propria GigaRefactory a Shanghai, in Cina.

Leggi anche -> Idee chiare e un investimento monstre | Huawei “dichiara guerra” a Tesla

Arrivano le Tesla ricondizionate?

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Elon Musk (@elonmusk_._)

Ebbene sì. Stanno per arrivare sul mercato le Tesla ricondizionate. Come fossero iPhone. Il ramo cinese della Casa di Elon Musk ha stretto un accordo con le autorità di Shanghai per la creazione di un polo industriale che si focalizzerà sul riciclo di motori e batterie e la produzione di nuovi motori con materiali di recupero. Per il momento non si conoscono i dettagli di questo accordo, ma quello che sembra certo è che Tesla si stia muovendo con grande decisione verso l’apertura di un fronte di mercato più sostenibile e accessibile, come già dimostrato anche dalla prossima creazione di una presunta Model 2 dal prezzo d’ingresso per (quasi) tutte le tasche: circa 20mila euro.