BMW, M2 va in pensione: ma un’azienda britannica non ci sta

Tra poco la BMW M2 uscirà di scena con la casa tedesca pronta a sostituirla con la M2 Coupé. Quindi, ecco che un’azienda la potenzia per renderle omaggio.

bmw m2 finale edition
BMW M2 Competition Finale Edition (twitter)

BMW è pronta a mandare in pensione la M2, che è stata una delle migliori macchine prodotte dalla casa tedesca. Al suo posto, arriverà la M2 Coupé, che porterà la gamma verso la nuova generazione. Difatti, proprio per rendere omaggio all’ormai finita M2, ecco che l’azienda Lightweight ha deciso di cambiarla.

Questa società, si occupa di auto e moto, in particolare su richiesta le può modificare. Quindi, per la BMW M2, si è deciso di renderla ancora più potente e performante, tanto da farla avvicinare pericolosamente al settore delle supercar.

Lightweight, ha anche scelto un nuovo nome, ovvero Finale Edition, proprio per segnare la fine dell’epoca M2. Tuttavia, questa macchina per molti anni ancora starà a dominare il mercato, sia nella versione base, che in quella modificata.

Potrebbe interessarti >>> Auto usate: comprare una super car a metà prezzo. Bmw M4 Competition

BMW M2 Competition Final Edition, caratteristiche

bmw m2
BMW M2 Competition Finale Edition (twittter)

La nuova BMW M2 Competition Finale Edition, cambia soprattutto nel motore. La potenza, infatti, è stata aumentata di molto, tanto da aggiungere 331 cavalli alla versione base, così da arrivare a addirittura 741 cavalli. Molto probabile, poi, che l’accelerazione da 0 a 100 Km/h, sia possibile in meno di 3 secondi. Difatti, l’impianto frenante è stato rivisto per sopportare e supportare la maggiore potenza.

Oltre al propulsore, ecco che cambiano anche gli elementi aerodinamici che sono tutti nuovi: spoiler, minigonne, splitter, passaruota più larghi e cerchi in lega più grandi. Inoltre, è presente anche un nuovo scarico che aumenta notevolmente la musica del motore.

Potrebbe interessarti >>> Alpina B8 Gran Coupè, la Bmw serie 8 si veste da super car

Riguardo invece gli interni, questi sono molto sportivi. A partire dal volante, fino ai quattro sedili, compreso anche il sistema di bordo, con un display che aiuta a tenere sotto controllo i dati della telemetria.

BMW M2, dunque, sta per andare in pensione, ma la sua grandezza non svanirà qui. Infatti, grazie a Lighweight e alla sua Final Edition, questa macchina continuerà a svettare nel suo settore, e anche in quello delle supercar. Una sfida praticamente vinta dall’azienda britannica.