Tesla con guida autonoma non si ferma e lo centra in pieno: niente da fare per il piccolo [VIDEO]

Critiche su critiche per questo video che in questi giorni sta circolando in maniera incontrollata su web e social network.

Di certo si dovrebbe rivedere qualcosa in termini di marketing. Negli ultimi giorni la casa automobilistica di Elon Musk è finita nel mirino. Ma, in questo caso, forse è proprio la casa automobilistica di Palo Alto ad essere la vittima.

Tesla Model Y (Tesla) 12.8.2022 quattromania
Tesla Model Y (Tesla)

Momento difficile per Elon Musk e Tesla

Insomma, momento delicato per Elon Musk, impegnato nella sua ormai annosa querelle con Twitter, il suo social network preferito, che avrebbe voluto acquistare. Ma che gli sta creando più di qualche grattacapo. Elon Musk ha venduto azioni Tesla per un valore di quasi 7 miliardi di dollari (6,9), secondo un documento depositato presso la Sec, l’autorità di vigilanza del mercato azionario statunitense, e pubblicato sul suo sito web. Il multimiliardario e capo di Tesla, attualmente coinvolto in una battaglia legale per l’acquisizione del social network Twitter, ha venduto circa 7,9 milioni di azioni Tesla tra il 5 e il 9 agosto, secondo il documento.

Elon Musk riacquisterà azioni Tesla nel caso in cui l’accordo per comprare Twitter non dovesse chiudersi. Lo ha detto il patron di Tesla rispondendo a un suo follower su Twitter. Musk è alle prese con una battaglia legale con la società che cinguetta.

Insomma, periodo intenso. In cui le scelte comunicative, evidentemente, non sono per ora effiacissime. Tesla Inc è stata infatti accusata da un’autorità di regolamentazione dei trasporti statale della California di aver falsamente pubblicizzato le sue funzionalità Autopilot e Full Self-Driving come sistemi di guida autonoma.

Ancora una volta, quindi, il tanto discusso sistema autopilot crea problemi alla casa automobilistica di Palo Alto. Nei reclami presentati all’Ufficio statale delle udienze amministrative, il Dipartimento dei veicoli a motore (DMV) della California ha affermato che Tesla ha fuorviato i potenziali clienti con pubblicità che sopravvalutavano il funzionamento dei suoi sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS). Il DMV chiede che venga posto rimedio alla faccenda: le conseguenze potrebbero includere la sospensione della licenza di Tesla per la vendita di veicoli in California.

Il video della discordia

Nel caso che vi raccontiamo oggi, però, Tesla potrebbe essere una delle vittime. Oggetto del contendere, un video girato lo scorso gennaio al Ces di Las Vegas, la più grande fiera dell’elettronica di consumo del mondo. Ma divenuto virale solo in queste settimane.

Un frammento del video incriminato (web source) 12.8.2022 quattromania
Un frammento del video incriminato (web source)

Nel video che circola incontrollato sul web e sui social, si vede una Tesla Model Y che investe il manichino di un bambino in un test allestito da Luminar, un’azienda che vende radar LIDAR, che permette il telerilevamento degli oggetti attraverso un impulso radar,

La Tesla Model Y ne è sprovvista per i costi elevati del sistema. Mentre nello stesso video, la Lexus RX equipaggiata con radar LIDAR fornito da Luminar, frena senza colpire il manichino. Un modo piuttosto macabro per dimostrare l’eventuale differenza tra avere o non avere la tecnologia LIDAR.